CARLONI, VICEPRESIDENTE MARCHE: “RAGGIUNTO IL 127% DELL’OBIETTIVO DI SPESA FISSATO DALL’EUROPA PER GLI AFFARI MARITTIMI E LA PESCA”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
pesca

Grazie al proficuo lavoro dell’Assessorato alla Pesca Marittima, la Regione Marche supera l’obiettivo di spesa 2020 del Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca (FEAMP). “Dal giorno del suo insediamento -continua Carloni – la Giunta Acquaroli ha rilanciato con decisione la necessità di centrare tutti gli obiettivi di spesa europei. E i risultati si dimostrano da subito incoraggianti, grazie ad una strenua volontà politica ed alla esemplare professionalità della struttura organizzativa regionale”. Le Marche possono vantare una eccellente performance nella gestione del Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca, che per l’anno in corso si traduce in una spesa certificata che ha raggiunto il 127% dell’obiettivo fissato dalla Commissione Europea. Per la precisione, a fronte di un obiettivo di spesa per il 2020 di € 2.610.053,82, sono già state certificate spese complessivamente pari ad € 3.321.016,07. Il raggiungimento del target di spesa è importante, a livello nazionale, per evitare la riduzione dei fondi. Infatti la Commissione Europea può diminuire le risorse assegnate nel caso di insufficiente utilizzo. La Regione Marche, avendo non solo raggiunto, ma ampiamente superato l’obiettivo assegnato, può contribuire con il proprio surplus (+27%) a compensare eventuali difficoltà di spesa a livello nazionale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Renzi, quand’era Presidente del Consiglio, era campione di ‘piagnisteo’ perche’

Cena tra Silvio Berlusconi e Mara Carfagna, come racconta oggi

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha

Verrà rispettata anche la tabella di marcia per l’esecuzione dei

Più di 1 italiano su 2 (54%) ha diminuito o

Senza accordo sulle regole con l’Unione Europea, la Gran Bretagna

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.