CASAMONICA IN TV: UN’OPERAZIONE PERICOLOSA PER I GIOVANI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
79018663_481565309145903_4803494206985207808_n

Leggo che in queste ora una trasmissione televisiva di un’emittente privata stia ospitando in prima serata Luciano Casamonica, nipote del boss Vittorio Casamonica. È inaccettabile e altamente diseducativo.
La “dittatura” degli ascolti televisivi non può prevalere sempre e comunque, anche se si tratta di una tv privata. Ospitare in una trasmissione l’esponente di un clan mafioso, che peraltro ha anche annunciato di voler difendere in quella sede le ragioni della propria famiglia nei confronti dello Stato, “colpevole” di aver abbattuto le sue ville abusive, è un’operazione molto pericolosa. Rischia di stravolgere il senso della legalità e della giustizia, soprattutto nei giovani. Con questi temi non si scherza e io non rinuncio all’idea che il mezzo televisivo abbia anche uno spirito educativo.

Le mafie e i loro protagonisti devono stare lontani anni luce dei nostri giovani. Non i tv in prima serata!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Probabilmente gli Stati Uniti arriveranno a contare “milioni di casi

E’ successo a Modena, Verona, Milano, Siena e altrove. In

MA CODACONS METTE IN GUARDIA GLI UTENTI COMPAGNIE TELEFONICHE AVVIANO

“Nel 2019 sono state autorizzate 260 milioni di ore di

“Ringrazio il Direttore generale Brait che ha confermato che non

Sono aperte al pubblico le “Nuove Gallerie Leonardo” al Museo

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.