Case popolari: arrivano i soldi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
case

Sono 22.480.752 euro i fondi assegnati e ripartiti fra le Regioni dal il DM 16 maggio 2019, pubblicato dalla Gazzetta Ufficiale n. 152 del 1° luglio, allo scopo di recuperare gli alloggi di edilizia residenziale pubblica per le annualità 2019-2024. La parte del leone la fa la Lombardia accaparrandosi circa 4 milioni. Seguono la Campania, con quasi 2,5 milioni; il Lazio, con circa 2,3 milioni; la Sicilia con 2,1 milioni.
Ricordiamo che il provvedimento s’inserisce nel percorso sull’edilizia residenziale pubblica avviato con il “Piano casa Renzi” (DL 47/2014, convertito nella Legge 80/2014) che ha lanciato il programma per la realizzazione di alloggi popolari e il recupero di quelli esistenti, articolato in due filoni: uno per la realizzazione di lavori di lieve entità, l’altro per interventi più pesanti di ripristino e di manutenzione straordinaria. Con il Decreto 97/2015, poi, sono stati individuati i criteri per la formulazione del programma di recupero e razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia residenziale pubblica ed è stata effettuata una prima ripartizione delle somme. Infine, con il Decreto 12 ottobre 2015 sono state definite le modalità di assegnazione e di trasferimento delle risorse relative al programma e ripartite le risorse destinate agli interventi ‘più pesanti’ per le annualità dal 2014 al 2024. E ora tali risorse sono state rimodulate con il DM 16 maggio 2019.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il Tenente Colonnello Enrico Ciucci subentra al Tenente Colonnello Alessandro

Considerando quello all’istruzione un diritto fondamentale, la Fondazione Caript si

– L’Italjunior nella prima giornata di gare della Coupe de

Autista Atac interviene a difesa di due studenti stranieri aggrediti

Si rileva tuttavia che la scelta dell’interlocutore è sbagliata. La

Le banche, ce lo insegnano a scuola, svolgono alcune funzioni

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.