ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Casino di Sanremo non può riaprire, Fisascat Cisl scrive a Mattarella

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
casino

SANREMO – Sono centinaia le famiglie che rischiano di non sapere come andare avanti a causa della mancata riapertura del Casino di Sanremo. Per questo è stata invitata una lettera inviata al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella firmata dal Segretario Generale della Fisascat-Cisl della Liguria Silvia Michela Avanzino, il Segretario Generale della Fisascat-Cisl delle Province di Imperia e Savona Massimiliano Scialanca e il Segretario SAS del Casinò di Sanremo Marilena Semeria in cui “,rivolgono a Lei un accorato appello affinché si faccia garante del rispetto dei principi della Costituzione Italiana ,in questa difficilissima situazione sanitaria ed economica ,quanto ai diritti dei lavoratori dei Casinò.

“Secondo l’art.4 della Costituzione Italiana, la Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo tale diritto, il Casinò di Sanremo, per cui ci pregiamo di esercitare parte di rappresentanza sindacale, esercita tale diritto dal 15 Gennaio 1905, occupando centinaia di lavoratori diretti e indiretti, garantendo un indotto importantissimo per la città e risorse al Comune di Sanremo, nonché pregio alla Regione e alla Nazione per la sua storia centenaria”.

La lettera prosegue così: “Nonostante un protocollo sanitario stringente, siglato in pieno accordo con le parti datoriali, ad oggi il Governo ci ha esclusi dal novero delle attività autorizzate alla riapertura, con evidente disparità di trattamento e violazione del precetto costituzionale che garantisce e promuove il diritto al lavoro di ogni cittadino. Per tale motivo ci sentiamo in dovere di chiederLe di farsi garante per il rispetto dei principi costituzionali enunciati, dei quali Lei è il vigile supremo, affinché la scelta delle aziende che possano riaprire non ricada sul merito del lavoro svolto ma sul metodo delle applicazioni delle tutele sanitarie “, conclude la lettera.

Proprio Primocanale aveva mostrato tutta la riorganizzazione degli spazi seguendo tutti i protocolli per consentire la ripresa delle attività di gioco, con la fornitura di plexiglass in tutti i tavoli per proteggere sia gli avventori sia il personale in sala, oltre all’obbligo di indossare la mascherina. Ma per il momento il Casino resta chiuso, mentre a quaranta km di distanza quello di Montecarlo, oltre confine, uscirà dalla quarantena il 5 giugno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Oltre 13mila morti in Italia nella crisi Coronavirus. Secondo i

cane

“Sempre Insieme #iononliabbandono” è tornata anche quest’anno la campagna di

A pochi giorni dall’entrata in vigore della riforma sulla prescrizione

PIOMBINO – “Finalmente, dopo lo stop imposto dalle misure di contrasto

Un esemplare di giovane orso, con ogni probabilità M57, si

super

Le attese sulle prospettive dell’economia e sul mercato del lavoro

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.