ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Castelli: “Sì al Mes? Leggeremo le carte”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
castelli

Il presidente del consiglio, Giuseppe Conte dirà sì al Mes? “Ci sarà un dibattito. Leggeremo le carte. Questo lavoro si fa con i documenti alla mano e non con le dichiarazioni. Nell’ultimo documento c’erano scritte delle cose che i vari Paesi europei hanno approfondito. Oggi è il giorno di prevedere un altro documento e capire dove si va a parare”. Lo afferma Laura Castelli, viceministro dell’Economia, ospite della trasmissione ‘Circo Massimo’ su Radio Capital. “Ci auguriamo che il dibattito nel Consiglio Europeo sia un dibattito comune, nella consapevolezza che ci vogliono strumenti comuni che ci vuole la convinzione di affrontare questa crisi tutti insieme”, afferma Castelli.

Per il viceministro, “pensare di arrivare a giugno con uno strumento come il recovery fund vuol dire non accorgersi che abbiamo bisogno di risposte immediate. Stiamo pianificando un deficit molto alto, uno degli scostamenti più alti della storia Repubblica, io credo che aspettare giugno sia tanto”.
Prossimo video: Conte: veto su Mes sarebbe un torto ai paesi che lo vogliono

“Noi – aggiunge – la patrimoniale non l’abbiamo mai voluta e mai proposta. In questi anni l’abbiamo sempre combattuta e nessuno di noi vuole rompere con l’Europa”. Poi una precisazione: “L’articolo comparso stamattina su ‘La Stampa’ è falso. Non abbiamo mai giocato al rialzo delle cifre. Non c’è nessuno scontro con Gualtieri sulle cifre”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“I recenti dati sulla pesca professionale dei coregoni del Lario,

draghi

IL CAPO DELLO STATO È GARANZIA PER INTERESSI DIFFUSI Siano

UDINE – Behrouz Boochani per Nessun amico se non le

PROGRAMMA COMPLETO: PROIEZIONI, MASTERCLASS, TALK E ANTEPRIME NAZIONALI La rassegna

Con il via libera all’etichetta nutriscore in Germania da parte

SE NON EVITATO, AUMENTO IVA INCIDERÀ PER UN ULTERIORE -0,3%

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.