Catturati e tenuti prigionieri in ville di lusso per essere sfoggiati come trofei dai ricchi proprietari

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
70357156_2697954753569595_1567792028022996992_n

E’ la triste sorte riservata ogni anno a 300 cuccioli di ghepardo, che vengono illegalmente trafficati dalla Somalia alla penisola araba.

I piccoli #felini vengono catturati, ammassati in casse anguste o scatole di cartone e caricati clandestinamente a bordo di imbarcazioni mercantili. Un animale su quattro non sopravvive al terribile viaggio e muore di fame e stenti.

Attualmente esistono meno di 7.500 ghepardi in natura (Cheetah Conservation Fund (CCF) e altri 1.000 esemplari sono “prigionieri” di privati nei paesi del Golfo.

Una #moda assurda, che sta dilagando nei paesi arabi e presto la popolazione africana di ghepardi, già fortemente minacciata, potrebbe estinguersi completamente. Molto più di altre specie, il felino più veloce del mondo ha, infatti, bisogno di spazi immensi e di una dieta speciale. La cattività è letale, in gabbia infatti gran parte degli esemplari non sopravvive più di due anni. La libertà, come sempre, è la sola speranza di salvezza.

Tessa Gelisio

Fonte: https://www.repubblica.it/…/ghepardi_a_rischio_estinzione_…/

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Non è una verità di fede ma sono in molti

Il governo spagnolo sostiene l’appello del segretario dell’Organizzazione delle Nazioni

Sabato 3 agosto sarà una data storica per il Teatro

Palermo – Da oggi, e per tutta l’alta stagione estiva

“Gli incendi nelle foreste dell’Amazzonia e quelli avvenuti in Siberia

Pienone alla serata dedicata ai Vichinghi al Museo del Territorio

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.