CDM: A TARANTO LA SEDE DELLA SOVRINTENDENZA NAZIONALE PER IL PATRIMONIO CULTURALE SUBACQUEO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
78148707_1289101031275763_6697032952921980928_n

Questa sera il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante “Regolamento di organizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo”. Con tale approvazione sono stati introdotti 2 nuovi istituti ad autonomia speciale, uno fra questi la Soprintendenza nazionale per il patrimonio culturale subacqueo che avrà sede a Taranto. Tale importante struttura avrà cura dello svolgimento delle attività di tutela, gestione e valorizzazione del patrimonio culturale subacqueo, nonché delle funzioni attribuite al Ministero ai sensi della legge 23 ottobre 2009, n. 157, recante la ratifica e l’esecuzione della Convenzione sulla protezione del patrimonio culturale subacqueo, adottata a Parigi il 2 novembre 2001.

Nel territorio della Provincia di Taranto, l’istituita Soprintendenza svolgerà anche le funzioni spettanti ai soprintendenti di archeologia, belle arti e paesaggio.

Si tratta di un importante riconoscimento per la città dei due mari che ho fortemente sostenuto. Un sentito ringraziamento al Ministro dei beni e le attività culturali e per il turismo e alle forze di Governo che hanno approvato la disposizione normativa. Il citato provvedimento rientra in quelle prime misure concrete del “Cantiere Taranto”, annunciate dal Presidente del Consiglio e a cui stiamo lavorando con tutti i Ministri del governo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Lungo incontro al Ministero dell’Ambiente con comitati e associazioni cittadine

Il governo Conte ha giurato e l’esecutivo è in carica.

“Corri e sàlvati M49, e grazie per aver dimostrato con

Con l’avvio delle convocazioni dei beneficiari da parte dei Centri

“Tutto chiarito col nuovo Governo Ucraino”: “toglieranno” Al Bano “dalla

Anzi, possibili riduzioni per i cittadini. Di seguito potete leggere

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.