ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Cdm, via libera a Def e scostamento di bilancio da 40 miliardi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
palazzo

Uno scostamento da 40 miliardi e una linea di finanziamento complementare al Recovery Plan da circa 30 miliardi per dare una spinta aggiuntiva all’economia e riuscire a riportare il deficit sotto il 3% nel 2025. Sono,secondo quanto si apprende, alcune delle decisioni assunte dal Consiglio dei ministri che ha varato il Documento di economia e Finanza e la nuova richiesta di extra indebitamento da inviare al Parlamento per l’autorizzazione. Crescita Pil al 4,5% e deficit vola all’11,8% nel 2021 Il governo stima una crescita del Pil al 4,5% nel 2021, rivedendo al ribasso l’obiettivo fissato in autunno del +6%. Secondo quanto si apprende, sarebbe questo il target programmatico per l’anno in corso fissato nel Documento di economia e finanza esaminato dal Consiglio dei ministri.Il deficit salirà all’11,8% del Pil con la nuova richiesta di scostamento da 40 miliardi. Franco, nuovo dl per imprese, interventi celeri “Il nuovo provvedimento avrà come destinatario principale i lavoratori autonomi e le imprese e concentrerà le risorse sul rafforzamento della resilienza delle aziende più impattate dalle chiusure, la disponibilità di credito e la patrimonializzazione. Si darà la priorità alla celerità degli interventi, pur salvaguardandone l’equità e l’efficacia”. Lo scrive il ministro dell’Economia nella premessa al Def, secondo quanto si legge in una bozza del documento. Il decreto “vedrà la luce entro fine aprile” e utilizzerà i “40 miliardi” del nuovo scostamento. Riforma fisco in seconda metà 2021 Il fisco sarà “oggetto di una articolata revisione. La riforma fiscale, da definire nella seconda metà del 2021, affronterà il complesso del prelievo, a partire dall’imposizione personale; sarà collegata anche agli sviluppi a livello europeo e globale su temi quali le imposte ambientali e la tassazione delle multinazionali. Saranno inoltre riformati i meccanismi di riscossione”. Lo scrive il ministro dell’Economia Daniele Franco in premessa al Def, secondo quanto si legge in una bozza del documento. Al massimo entro ottobre 80% popolazione vaccinata Lo scenario tendenziale del Documento di economia e finanza “si basa sull’aspettativa che dopo la prossima estate le misure di contrasto all’epidemia da Covid-19 avranno un impatto moderato e decrescente nel tempo sulle attività economiche”. Lo si legge in una bozza del documento, che prevede il raggiungimento dell’80% di popolazione vaccinata al massimo entro ottobre, e “sviluppi positivi” sul fronte delle terapie da anticorpi monoclonali.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Fuori dai denti: il governo è in grado di gestire

21.172 controlli antifrode sulla filiera agroalimentare, di cui 2.543 ispezioni

Il mondo ascolti il grido dei rifugiati. Il Papa riceve

Luigi Di Maio

La Lega ha fatto cadere il primo Governo vicino al

“In questi anni la Puglia è diventata la locomotiva del

Per tutte le ragioni simboliche, educative e psicologiche che conosciamo

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.