ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Cereali, bilancio 2019 dell’import. Attività in crescita sia per i volumi (+3,1%) che per i valori (+5,4%)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
grano (1)

Sulla base delle rilevazioni Istat le importazioni in Italia nel settore dei cereali, semi oleosi e farine proteiche nell’intero anno 2019 sono aumentate nelle quantità di 642.000 tonnellate (+3,1%) e nei valori di 298,0 milioni di Euro (+5,4%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Nel comparto dei cereali in granella sono risultati in aumento gli arrivi di grano duro (+667.000 t), di mais (+639.000 t) e di altri cereali minori (+27.500 t), diminuisce invece l’import di grano tenero (-640.000 t), orzo (-80.100 t) e avena (-11.200 t). Tra gli altri prodotti si rileva la riduzione degli arrivi dei trasformati/sostitutivi (-136.000 t) e della crusca (-11.800 t), mentre registra un incremento sia l’import di mangimi a base cereali (+21.000 t), che di riso (+41.600 tonnellate considerato nel complesso tra lavorato, semigreggio, risone e rotture). Le importazioni annuali dei semi e frutti oleosi sono aumentate di 384.000 t (+17,3%), di cui +400.000 t di semi di soia, mentre quelle di farine proteiche vegetali calano di 258.000 t (-8,9%), di cui -209.000 t di farina di soia.

Le esportazioni dall’Italia dei principali prodotti del settore nell’intero anno 2019 sono risultate in diminuzione nelle quantità di 53.000 t (-1,2%) ed in aumento nei valori di 166,8 milioni di Euro (+4,9%) rispetto allo stesso periodo del 2018.
La riduzione delle quantità è dovuta ai cereali in granella (-116.000 t, di cui -123.000 t di grano duro), al riso (-44.700 t considerato nel suo complesso tra lavorato, semigreggio, risone e rotture), alla semola di grano duro (-35.000 t) ed ai prodotti trasformati/sostitutivi (-8.000 t). Per contro aumentano le vendite all’estero di farina di grano tenero (+5,1%), di mangimi a base cereali (+9,2%) e di pasta alimentare che raggiunge un nuovo livello record di esportazione con oltre 1,9 milioni di tonnellate (+6,2%).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Boris Johnson annuncia una serie di nuove regole sull’immigrazione in

ETT, INDUSTRIA DIGITALE E CREATIVA, HA RESO POSSIBILE LA VISITA

L’ipotesi di chiusura totale delle scuole sarà domani sul tavolo

“Non abbiamo ancora contatti con le 150 persone che ci

Più di un quinto della popolazione (il 22,2%) ha avuto

Nel documentare, leggere, ascoltare tutte le dichiarazioni di Matteo Salvini

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.