Champions League, Lazio-Bayern Monaco 1-4: Inzaghi travolto, ora serve un miracolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
calcio

Una lezione che difficilmente dimenticherà. Si può riassumere così la serataccia europea della Lazio, che affonda sotto i colpi di un grande avversario, ma che ci mette anche molto del suo nel rendere più rotondo e pesante il risultato. I bavaresi dominano in lungo e in largo, specialmente nel primo tempo e specialmente sul piano fisico. I biancocelesti sono spesso costretti a inseguire e i cartellini gialli che piovono sugli uomini di Inzaghi nei primi 70′ sono un sintomo dell’affanno nel quale spesso si ritrovano. I gol, però, sono anche frutto di disattenzioni ed errori individuali clamorosi. Serataccia per tutto il reparto difensivo (Musacchio e Patric in particolare), partita di grande sofferenza per Immobile, a cui non mancano voglia e intraprendenza, ma certamente mancano occasioni e, in alcuni frangenti, anche un po’ di lucidità. Inzaghi aveva definito il Bayern un avversario “ingiocabile” e la notte dell’Olimpico, purtroppo, non fa altro che confermarlo.

I tedeschi d’altronde provano a mettere subito le cose in chiaro, andando ad attaccare altissimi la linea difensiva di Inzaghi. La pressione fa immediatamente capitolare i biancocelesti: un retropassaggio scriteriato di Musacchio viene intercettato da Lewandowski, che dribbla Reina e insacca portando avanti i suoi. Un regalo troppo ghiotto per un bomber implacabile. La Lazio reagisce affidandosi soprattutto agli spunti di Lazzari, riacquista un po’ di fiducia col passare dei minuti e al 19′ protesta per un contatto sospetto tra Milinkovic e Boateng. Le immagini lasciano molti dubbi, ma Grinfeeld decide di non andare a rivedere l’azione. Sembra un buon momento per i capitolini, ma alla seconda accelerata il Bayern non perdona. Goretzka pesca al limite Musiala, lasciato colpevolmente libero di calciare, l’inglese classe 2003 incrocia alla perfezione col destro e punisce Reina nell’angolino. I padroni di casa non si arrendono, ma a 3 minuti dalla fine del primo tempo si fanno ancora male da soli: Patric e Leiva pasticciano tra loro regalando palla a Coman, che si lancia in campo aperto, ubriaca Acerbi e colpisce addosso a Reina, sulla ribattuta piomba Sané che a porta vuota non può sbagliare.

La ripresa inizia come peggio non poteva per la Lazio, che sbilanciata in avanti su un corner incassa anche il 4-0, ispirato da Sané ma finalizzato da un maldestro tentativo di salvataggio di Acerbi, che butta il pallone nella propria porta. Le squadre sono lunghissime e anche il Bayern scopre il fianco, concedendo a Correa la serpentina che l’argentino trasforma nel 4-1 al 49′. Da quel momento in poi per gli uomini di Flick è solo ordinaria amministrazione, facilitata da un avversario che si ritrova col fiato cortissimo e che non può far altro che limitare i danni in attesa del triplice fischio.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Domenico Arcuri, intervenendo al convegno sul tema “I 70 anni

30 Giugno 2020 ore 17.00 Diretta social tra riflessioni e

Si è svolto oggi pomeriggio, nella sede del Pd di

TLC: PRESTO BOLLETTE PIÙ TRASPARENTI, PRONTO IL TESTO AGCOM CODACONS:

“Di fronte ad una situazione drammatica serve subito l’estensione della

“Google è orgogliosa di essere partner della ripresa economica dell’Italia.

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.