ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Chi mette in discussione l’indipendenza o l’integrità morale di Alfonso Bonafede non sa di cosa parla

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
bonafede

Alfonso è stato il Ministro della Giustizia che, con il MoVimento 5 Stelle, ha firmato la legge anticorruzione più dura d’Europa, la norma sul voto di scambio politico mafioso e in questi giorni ha reso ancora più stringenti le norme sul regime carcerario per i mafiosi.

Stasera da Giletti è stato sollevato il dubbio che i boss avrebbero influito sulle sue nomine ai vertici dell’amministrazione giudiziaria. Un’accusa senza prove, gratuita e priva di senso, fatta in diretta TV e senza contraddittorio. Lui si collega per difendersi e dire la sua. Giletti lo interrompe, lo incalza, alla fine dice che a Di Matteo aveva proposto il ruolo di vertice nella Direzione Giustizia Penale, un posto di frontiera contro la lotta alla mafia. Il ruolo che era di Giovanni Falcone. Di Matteo ha poi rifiutato.

Qualcuno sta già usando questo scambio di battute per chiedere la testa di Bonafede. Se Italia Viva spera di portare in dote a Forza Italia il Ministero della Giustizia, sappia che il Movimento 5 Stelle non lo permetterà MAI                                                                                                                                         . Francesco Berti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

impianti eolici

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto Fer 1,

Immaginatevi il seguente scenario: al termine della quarantena imposta in

“Monte Carnevale è una scelta inaccettabile”. E’ la perentoria posizione

La pioggia paralizza le operazioni di recupero degli abeti abbattuti

CONCENTRICA A SCUOLA venerdì 8 novembre 2019 ore 21- Torino,

Sondrio – E’ stato sottoscritto, oggi, a Sondrio, dall’assessore alla

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.