Chiederemo grazia per Chico Forti. Terremo alta attenzione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
74687764_2585842431469187_9143018090714365952_o

“Enrico Forti detto Chico è un nostro connazionale detenuto da 20 anni in Florida. La sua è una vicenda sulla quale ci sono ombre e dubbi, a fronte soprattutto del fatto che Chico rivendica la sua innocenza da sempre. Noi del MoVimento 5 Stelle abbiamo seguito questa storia già dalla scorsa legislatura quando fu votata una mozione presentata da me e da Carlo Sibilia con la collaborazione del magistrato Ferdinando Imposimato e che fu votata all’unanimità. Oggi sono molto contenta che a parlare della storia di Chico ci sia qui suo zio Gianni che da anni chiede l’attenzione della politica sul caso”. È quanto afferma in una nota la deputata del MoVimento 5 stelle in commissione Difesa alla Camera, promotrice di una conferenza alla Camera dei deputati allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e i media su questa vicenda.
“All’estero ci sono 2113 detenuti italiani ai quali lo Stato italiano deve garantire supporto. Il caso Chico Forti merita una particolare attenzione perché è una questione di giustizia e dignità del nostro Paese. Dopo 20 anni di promesse, la cosa più importante in questa fase è non lasciarsi andare a proclami anche per tutelare la tenuta psicologica di Chico Forti. Per essere concreti dobbiamo lavorare come Governo per tenere tutte le strade aperte: la revisione del processo e il ritorno di Chico Forti in Italia anche come detenuto, ma soprattutto la richiesta da fare subito, in maniera forte, diplomatica, con tutte le nostre risorse è quella della grazia. Sin da ora ci attiveremo presso i rappresentanti diplomatici negli Stati Uniti per chiedere la grazia al governatore della Florida. Questo, con l’impegno assicurato anche dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio, è il nostro obiettivo per raggiungere un risultato concreto al termine di un confronto costruttivo”, ha commentato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro, presente alla conferenza.
“Il ruolo dell’informazione è fondamentale per alimentare il dibattito sul caso Chico Forti sia negli Stati Uniti sia in Italia. E noi non smetteremo di sottolinearlo per assicurare al nostro connazionale detenuto tutto il supporto possibile”, conclude Corda.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Dopo ‘ndrangheta e camorra, ora a preoccupare le forze dell’ordine

“Finalmente!”. Così il saluto di benvenuto agli oltre 400 navigator

Grande affluenza di persone ieri, alla Fondazione Edmund Mach, per

Proseguono anche in estate le iniziative dedicate al genio del

TRIESTE – L’estate 2019 accende di note uno dei luoghi

Da lunedì 1 luglio entra nel vivo Caleidoscopio, la rassegna

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.