“CHIVASSO IN MUSICA” PROPONE IL CONCERTO DI CARNEVALE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Archeia orchestra

LUNEDÌ 24 FEBBRAIO “CHIVASSO IN MUSICA” PROPONE IL CONCERTO DI CARNEVALE. MERCOLEDÌ 26 LA BELA TÔLERA E L’ABBÀ SARANNO RICEVUTI A PALAZZO CISTERNA

CHIVASSO (TO) – Il terzo concerto della stagione 2020 del circuito “Chivasso in Musica”, patrocinato dalla Città Metropolitana di Torino, è in programma lunedì 24 febbraio alle 21 nel teatro dell’Oratorio Carletti. Si tratterà del tradizionale Concerto di Carnevale, organizzato in collaborazione con la Pro Loco l’Agricola, che avrà come protagonista l’orchestra giovanile “Archeia” diretta da Giacomo Pomati. Il pubblico potrà apprezzare i giovani musicisti nell’esecuzione di brani di Edvard Grieg(Holberg Suite), Felix Mendelssohn Bartholdy (Sinfonia numero 10 in si minore per archi, MWN 10), Béla Bartók (Danze popolari rumene) e Benjamin Britten (Simple Symphony opera 4). Al concerto interverrà la corte carnevalesca 2020 con la Bela Tôlera Melissa Bertaina e l’Abbà Ugo Novo. L’ingresso al concerto è con libera offerta. La stagione Chivasso in Musica è organizzata con il sostegno dell’assessorato alla cultura della Città di Chivasso.

Mercoledì 26 febbraio alle 9,30 i due personaggi principali del Carnevale di Chivasso saranno ricevuti a Palazzo Dal Pozzo della Cisterna dal Vicesindaco metropolitano, insieme alle Dame, agli Alfieri, ai Paggetti e al Presidente della Pro Loco Chivasso “L’Agricola”, Davide Chiolerio, per la tradizionale visita alle autorità metropolitane nella sede aula dell’Ente.

I PROTAGONISTI DEL CARNEVALE DI CHIVASSO

La Bela Tôlera

Il personaggio della Bela Tôlera nacque nel 1905 per iniziativa dell’allora Circolo di Agricoltura, Industria e Commercio “L’Agricola”, progenitore dell’attuale Pro Loco Chivasso “L’Agricola”. A quel tempo erano di moda le feste di mercato, con lo scopo di valorizzare le produzioni locali. In quell’ambito nacque l’idea di nominare una vera e propria Regina del mercato di Chivasso: la Bela Tôlera. Il nome trae origine dal simpatico appellativo di “face ‘d tola”, affibbiato ai Chivassesi perché, in passato, il campanile del Duomo era sormontato da una guglia fasciata di latta, che rifletteva i raggi del sole, poi abbattuta in seguito ai danni subìti nel corso dell’assedio del 1705. A partire dal 1948 la Bela Tôlera è accompagnata dall’Abbà e, da qualche anno a questa parte, da quattro Damigelle, quattro Alfieri e due Paggetti.

L’Abbà
Il personaggio dell’Abbà, sebbene abbia assunto solo dal 1948 il ruolo di Signore del Carnevale, vanta origini ben più remote, che sono legate a feste in un primo tempo pagane e successivamente cristiane. Risalgono al XIV secolo le prime notizie sulla figura dell’Abbà, scelto per guidare la “Confraternita o Società degli Stolti”, nata sul modello di analoghe iniziative sorte in varie parti d’Italia (ad esempio “l’Abbazia dei Pazzi” di Torino). Nel 1434, dopo gli inutili tentativi per sciogliere d’autorità la Società, furono gli argomenti persuasivi del Prevosto, don Giacobino Cresti, ad indurre i soci a mutare costume. Da quel momento la festa della Società assunse il carattere e la natura di cerimonia religiosa. Fu assunto come protettore San Sebastiano e fu eretta in Duomo una cappella della Società, che nel frattempo aveva assunto la denominazione ufficiale di “Società di San Sebastiano”. Da quel momento l’Abbà assunse la veste di patrocinatore e, successivamente, di mecenate della festa. In occasione della festa patronale di San Sebastiano, il 20 gennaio, egli, dopo aver assistito al Vespro solenne in Duomo, sfilava per la città acclamato dalla popolazione, alla quale lanciava dolciumi ed arance. In forza del pubblico riconoscimento, avvenuto nel 1452 da parte della Credenza Pubblica della Città, nel periodo carnevalesco l’Abbà godeva di speciali prerogative, tra le quali il potere di giudicare su tutte le controversie tra i Chivassesi e liberare, se possibile, i carcerati. I mutamenti sociali e di costume portarono al declino della figura dell’Abbà, che scomparve definitivamente nel 1878. Fu nuovamente riproposta nel 1948, quando le fu attribuito il ruolo di Signore del Carnevale, accanto alla Bela Tôlera. A ricordo delle prerogative di cui godeva un tempo, dopo la sua investitura l’Abbà legge il Proclama contenente le sue volontà sullo svolgimento della festa e, in tono scherzoso, esprime pareri sull’andamento della vita pubblica cittadina. L’Abbà veste attualmente la divisa originale ottocentesca della “Veneranda Società di San Sebastiano”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

«Il campionato può ripartire il 13 giugno? Noi stiamo lavorando

Un buco da oltre un miliardo per i 24mila agriturismi

Il Comitato Nazionale dell’Associazione Italiana Arbitri ha approvato il calendario

Passo dopo passo stiamo invertendo la tendenza che negli ultimi

“Per l’Europa in questa fase la cosa più importante è

AGRICOLTORE SPARGE MAIS AVVELENATO E FA STRAGE DELLA FAUNA. L’OIPA

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.