Città più sicure grazie a politiche integrate e quartieri che vivono

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
negozio

FIRENZE – I vigili di quartiere – oggi è stato presentato a Grosseto il progetto per la città – sono solo uno degli strumenti che la Regione ha deciso di mettere in campo per aggredire il problema della sicurezza, che spesso è anche solo un problema di percezione, visto che crimini e reati da più anni sono in calo. Lo ricorda l’assessore alla presidenza della Toscana Vittorio Bugli, sottolineando come contrastare degrado e criminalità e rendere le città più sicure necessita di presidi ma anche di studi, di analisi e soprattutto di politiche integrate.

In tre anni la Regione ha distribuito contributi per quasi 3,3 milioni per finanziare sistemi di videosorveglianza a livello locale. Ne hanno beneficiato 228 Comuni e 18 Unioni, 172 progetti in tutto. Un nuovo bando per 477 mila euro è già stato predisposto. Con i PIU, i progetti di innovazione urbana, la Regione ha finanziato con i fondi Fesr 2014-2020 anche otto diversi interventi di riqualificazione urbana per altrettanti Comuni, con un contributo di quasi 44 milioni.

Ci sono poi i progetti speciali sulla sicurezza: cinque finanziati con quasi seicentomila euro alla fine del 2016 (Livorno, Prato, Pisa, Firenze, Lucca) a cui si sono aggiunti poi l’Osmannoro (tra Firenze, Sesto e Campi Bisenzio), Montecatini Terme, Arezzo, Grosseto per l’appunto, Rosignano Marittimo e Poggibonsi. Ad oggi il finanziamento regionale vale un milione e 96 mila euro: undici progetti in tutto, con il proseguimento dell’esperienza all’Osmannoro già confermata nei mesi scorsi. Si tratta di esperienze di presidio e controllo di vicinato, esempi e modi diversi per ‘aggredire’ lo “sballo” notturno e rendere la movida vivibile, progetti di rivitalizzazione di centri storici e di quartieri degradati con una diversa progettazione urbanistica ma anche attraverso animazione culturale e artistica. “Un quartiere vissuto, animato da negozi e con piazze che si riempiono di gente, può essere infatti un antidoto al senso di insicurezza percepita se piazze e strade sono invece deserte ed abbandonate” ribadisce l’assessore Bugli. A luglio la giunta ha dato il via libera ad un ulteriore bando da 800 mila euro per finanziare azioni integrate finalizzate a promuovere una rinnovata socialità dei quartieri più fragili: tra i progetti finanziabili c’è anche il rafforzamento della polizia municipale, per allargare ulteriormente ad altri territori l’esperienza dei vigili di prossimità. Come quelli che dal 16 settembre inizieranno a pattugliare il centro storico di Grosseto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Abbiamo mostrato al ministro dell’agricoltura la Basilicata che lavora senza

Mezzi di soccorso nei punti più critici della viabilità autostradale;

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è risultato negativo

Per monitorare le condizioni del feto, si possono fare vari

Continua in Italia la cosiddetta “crisi del mattone”. Il prezzo

“Sul tema del corretto utilizzo dei rifiuti, gli studenti sono

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.