Coldiretti Marche, con i dazi di Trump a rischio l’export regionale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
frutta verdura marche (1)

Un vero e proprio regalo all’italian sounding se l’annuncio del presidente statunitense Donald Trump di nuovi dazi contro l’Unione Europea diventasse realtà. Un duro colpo all’agroalimentare marchigiano cresciuto in 10 anni di oltre il 157% e arrivato sopra i 24 milioni nel 2018. Esportazioni che, nel primo trimestre 2019, hanno superato i 7 milioni, in incremento del 36% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, secondo le stime di Coldiretti Marche su dati Istat. “Gli Usa – sottolinea la Coldiretti – minacciano di colpire importanti prodotti agricoli e alimentari come ad esempio il vino che, da solo, rappresenta quasi la metà degli acquisti stelle e strisce nella nostra regione”. La mossa protezionista di Trump risponde alle sollecitazioni della lobby del falso Made in Italy alimentare che in Usa fattura 23 miliardi di euro secondo una stima della Coldiretti. Ad essere più imitati infatti sono proprio i salumi ed i formaggi italiani presenti nella lista aggiuntiva. La produzione di imitazioni dei formaggi italiani in Usa secondo l’analisi Coldiretti su dati USDA ha avuto una crescita esponenziale negli ultimi 30 anni ed è realizzata per quasi i 2/3 in Wisconsin e California mentre lo Stato di New York si colloca al terzo posto. “La nuova Commissione Europea – commenta Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche – dovrà farsi urgentemente carico della pericolosa presa di posizione statunitense, scegliendo di preservare e mantenere un rapporto di intesa e commerciale con un paese storicamente alleato e sventando così il rischio di un ingente danno economico per l’Europa, l’Italia e la nostra regione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Salviamo cosí oltre 100 imprese siciliane che rischiavano il fallimento

Il 22 giugno a Reggio Calabria ci sarà la manifestazione

“Roma è ormai una città allo sbando. L’Italia è un

RICCIONE – Salperà domenica mattina 7 luglio dal porto canale

Innocuo per uomini e animali, può rappresentare un pericolo per

Roma  – Purtroppo i dati Istat sull’economia italiana sono spesso

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.