ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

COME DICEVA LA CANZONE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
capuozzo

Churchill, che era un grande e qualche volta sprezzante nei giudizi, disse che gli italiani perdono le guerre come fossero partite di calcio, e perdono le partite di calcio come se fossero guerre

Non giudicherei gli inglesi dai fischi all’inno, nè dagli incidenti, nè dai commenti razzisti contro i tre ragazzi che hanno sbagliato i rigori. E neanche dal doloroso sentimento della sconfitta che avvolge titoli di giornale, immagini e social. Tutto questo fa parte della normalità, bella o brutta. Quello che va oltre è il rifiuto di tenersi al collo la medaglia del secondo posto, come se potessero essere solo primi.

Non è un evangelico richiamo al pregio di essere ultimi, ma una vecchia legge di sport e di vita: saper perdere aiuta a vincere, la volta dopo. Ho visto, in vita mia, solo tre o quattro guerre fatte anche dagli inglesi: nei Balcani, nelle Falkland, in Iraq e in Afghanistan, L’unica vinta è stata quella più imperiale, le Falkland. Le altre, che erano missioni di pace cui abbiamo partecipato anche noi, sono state tutte perse. Per noi è normale, ti lecchi le ferite, ti accontenti dell’onore, torni a casa.

Per loro meno, non hanno avuto neanche il Vietnam di francesi o americani, o l’Afghanistan dei russi. Sanno solo vincere. Il sentimento della sconfitta è difficile da maneggiare, essere perdenti è un’arte di dignità e orgoglio ferito, senza spazio per la spocchia. Certe volte essere vincenti per destino, vocazione e professione è un difetto, caro il mio Churchill.

Curiosamente una canzone dei miei anni ’60, che ci insegnava quel che sapevamo già – saper perdere – l’abbiamo imparata da un gruppo con l’accento inglese, i Rokes.

Toni Capuozzo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Per la serie cambiare tutto per non cambiare niente… I

VITERBO – E’ iniziata da pochi giorni la prima campagna

La mostra sarà aperta daa giovedì 18 luglio a sabato

spreco

“Il presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, Marco Squarta, in occasione della

ferrari

La Ferrari riparte dai giovani. Sarà Carlos Sainz jr. infatti

castelli

Si apre una stagione importante che va affrontata con la

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.