ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Concedetemi due riflessioni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
pizzarotti

Siamo a 3 milioni di casi totali in Italia e più di 100 mila decessi da inizio pandemia. Oggi si sa che la soluzione è data dai vaccini: altri Paesi lo stanno dimostrando, con la vaccinazione scendono i casi e la mortalità.
Da un anno l’Europa e l’Italia sono immerse in un incubo, e il lockdown si è dimostrata l’unica vera arma di difesa. Ma ora i vaccini ci sono, adesso sappiamo cosa dobbiamo fare, è un fatto inequivocabile.
Vista la minaccia, l’Unione Europea si è data giustamente una linea comune di approvvigionamento dei vaccini facendo sì che le singole nazioni non corressero in ordine sparso. È stata una scelta saggia, al netto delle difficoltà contrattuali iniziali, perché così non si depotenzia l’azione comune.
Alla luce di ciò, anche l’Italia al suo interno si deve dotare di una linea unitaria, non dobbiamo andare in ordine sparso. Mi sento di ringraziare l’Emilia-Romagna per l’azione virtuosa e dinamica, così come il territorio di Parma che sta rispondendo bene alla campagna vaccini. Stiamo ingranando e di questo sono contento, tuttavia vedo molte regioni applicare propri criteri di selezione dei vaccinati: chi per categorie, chi per attività, chi per età.
Lo avevo scritto qualche giorno fa, vedo che il presidente Draghi è sulla stessa lunghezza d’onda: il modo di procedere deve essere univoco e chiaro, organizzato e preciso. Sia lo Stato il regista e il coordinatore dell’attività, serve una mente unica in quella che è, credo, la più vasta opera di vaccinazione della nostra storia e della storia d’Europa.
Possiamo vincere il covid e dobbiamo lavorare per questo, ma facciamolo con senso di unità e di organizzazione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

pride

Anche il neo-rettore dell’Università degli Studi di Torino, Stefano Geuna,

bellanova

Come riportano numerose testate giornalistiche, la ministra Teresa Bellanova ha

cile

Il XII congresso della Centrale unitaria del Cile (Cut), realizzatosi

conte

E ci risiamo. Vi ricordate la caccia ai furbetti del

Venerdì 7 febbraio 2020 ore 21:00 Palazzetto dello Sport, Corso

Roma – Molte informazioni sulla sicurezza e l’efficacia dei farmaci

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.