CONCERTI DEL CONSERVATORIO TARTINI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
gast

TRIESTE – Mercoledì 27 novembre alle 20.30 nella Sala Tartini di via Ghega 12, nell’ambito del cartellone autunnale dei Concerti del Conservatorio Tartini, appuntamento con il secolare repertorio di uno dei più antichi strumenti della cultura occidentale, con l’organista tedesco Arvid Gast, esecutore e docente d’organo apprezzato in tutto il mondo. L’evento, realizzato in collaborazione con Musikhochschule Lübeck, è come sempre proposto con ingresso gratuito su prenotazione, info +39 040 6724911 www.conts.it.

Il repertorio della musica d’organo abbraccia un arco temporale molto ampio di più di cinque secoli: si tratta di uno strumento dotato di una delle più ricche letterature musicali strumentali, varie nel genere e nello stile di ambito sia sacro, sia profano. A Trieste, Gast proporrà un programma che spazia dallo Stylus Fantasticus di Dietrich Buxtehude che proprio a Lubecca incontrò e conobbe J.S. Bach (anch’esso in programma il 27), fino al novecentesco Tilo Medek e al contemporaneo Franz Danksagmüller (del quale eseguirà l’Estampie composta per il primo concorso organistico di Lubecca del 2007) passando per l’ottocento di Felix Mendelssohn Bartholdy.

L’organo si è evoluto nel corso della storia e oggi, l’Europa musicale continua a riservare all’organo un rilevante ruolo, soprattutto oltralpe tra Germania, Francia e Olanda, dove il repertorio discende da una lunga e diffusa tradizione improvvisativa, che traduce in stilemi e modelli compositivi le pratiche di esecuzione estemporanea.

Arvid Gast è nato a Brema nel 1962 e ha studiato organo e musica sacra ad Hannover. Già nel corso dei suoi studi ha vinto numerosi concorsi organistici e ha assunto nel 1990 la carica di organista e maestro del coro presso la Chiesa di San Nicola a Flensburg. Nel 1993 è stato nominato professore di organo presso l’Università di Musica e Teatro “Felix Mendelssohn Bartholdy” di Lipsia e organista all’Università della stessa città. Dal 2004, Arvid Gast è visiting professor di organo e titolare del corso di musica sacra all’Accademia di Musica di Lubecca, dove è stato nominato organista della chiesa di San Jacobi che è dotata di tre organi di grande rilievo. Dal 2007 organizza a Lubecca il Concorso triennale “Dietrich Buxtehude”. Negli anni 2008-14 è stato inoltre organista della sala da concerto “Georg Philipp Telemann” di Magdeburgo. Joachim Pliquett, tromba principale della Deutsche Symphonie-Orchester di Berlino, forma con lui dal 1979 un solido duo (www. pliquett-gast.de). Arvid Gast ha insegnato in tutti i paesi europei, in Giappone, Corea, Stati Uniti e Sud America; è stato invitato in giurie di molti prestigiosi concorsi, tra i cui quelli di Tokyo, Graz, Lipsia e Alkmaar. Le numerose registrazioni radiofoniche, televisive e discografiche testimoniano l’ampiezza e la varietà del suo repertorio. Le opere del barocco tedesco del Nord, di Johann Sebastian Bach e del romanticismo tedesco hanno un ruolo rilevante nel suo repertorio.CONCERTI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Un accordo disatteso, un piano di investimenti promesso e mai

#fareperCatanzaro esprime solidarietà e vicinanza all’amico Gianfranco Simmaco, Capostorico 1929,

Il comitato intergovernativo del patrimonio mondiale dell’Unesco, che si è

Proprio durante la trasmissione de “La 7” , il professor

Contro la crisi economica, la corruzione e la mancanza di

L’associazione di rappresentanza e assistenza dell’agricoltura italiana ha messo in

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.