Confartigianato celebra Matera 2019 con la mostra “Valore artigiano”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
valore-artigiano_matera

Una mostra per valorizzare la mano dell’uomo come strumento artigiano, come identità culturale e memoria delle arti e delle tecniche di tanti territori italiani. Questo è l’obiettivo principale di Valore Artigiano, la mostra/manifesto di Confartigianato organizzata in occasione delle celebrazioni di Matera Capitale europea della cultura 2019, allestita negli spazi della Scuola di Alta formazione e Studio ISCR di Matera e che rimarrà aperta al pubblico dal 17 al 30 ottobre 2019.
Icona del lavoro manuale, delle abilità tecniche dell’artigiano e del piccolo imprenditore, nell’era digitale la mano si conferma l’elemento più rappresentativo delle capacità umane, oggi che può cogliere i benefici dell’innovazione tecnologica e al tempo stesso riaffermare la centralità dell’uomo come utilizzatore attivo e consapevole della tecnologia – sottolinea Andrea Granelli, curatore della mostra insieme a Giulio Ceppi – La mano che caratterizza l’uomo, che ci dice anche cosa vuol dire lavorare. La mostra vuole svelare un grande concetto: il valore artigiano. Il motivo per cui i prodotti artigiani sono belli, utili e ben fatti. Il tutto spiegato attraverso l’analisi delle mani stesse”, ha aggiunto Granelli.
Quattro sale per avventurarsi in altrettanti percorsi ricchi tra tecnologia, arte, cultura e valorizzazione del lavoro artigiano, alternando installazioni multimediali a esperienze sensoriali. La mano e il linguaggio, la memoria delle mani, le mani per fare insieme e le mani del prossimo venturo sono i quattro spazi tematici dedicati all’analisi di questo meraviglioso strumento umano. “La storia dell’arte italiana, dagli affreschi pompeiani, passando per il Rinascimento e il Barocco, fino ai giorni nostri, è ricca di esempi in cui le mani dipinte dei protagonisti agiscono, impugnando utensili, toccando oggetti, esprimendo pareri o emozioni. Queste mani in azione testimoniano dunque i mestieri del passato, sono istantanee di artigiani all’opera, celebrano la potenza e la versatilità delle mani”, ha aggiunto Giulio Ceppi.
La mostra, aperta tutti i giorni dalle 9:30 alle 18, ha il patrocinio di Matera 2019 – Open Future e della Convention del Mezzogiorno 2019 di Confartigianato, la due giorni di lavoro dedicata allo sviluppo economico del Sud Italia, che il 17 e 18 ottobre ha animato gli spazi del Mulino Alvino del meraviglioso centro lucano.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Dei responsabili che prendono il nostro posto? Ma magari, se

Parità. In Assemblea i bilanci di genere degli Atenei: le

Il capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera, Federico Fornaro,

Il Ministero dei Beni Culturali ha destinato 180 milioni di

ASSOCIAZIONE SCRIVE A VERTICI RAI: CONDUTTORE INADATTO A GESTIRE TRASMISSIONE.

La metà di tutti gli australiani in età lavorativa ora

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.