ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Confesercenti, i commercianti: ‘Vogliamo riaprire’. Bianchi: ‘Al governo è mancato il coraggio’

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
LaPresse
27/10/2011 Roma, Italia
Cronaca
Ressa di folla all'inaugurazione negozio Trony
Nella foto: Persone che escono da Trony con i loro acquisti

A Scandicci invece i proprietari dei negozi scrivono una lunga lettera a Conte: ‘Non vogliamo morire per il virus ma neppure di fame. Ci aspettiamo un aiuto dallo Stato per non chiudere e per non cadere nella rete dell’usura’

E’ un grido disperato quello dei commercianti, reso forte da un imperativo che oggi diventa una richiesta martellante: ‘Vogliamo riaprire!’. Dopo la protesta dei ristoratori che hanno consegnato le chiavi dei loro locali ai sindaci ecco che anche i piccoli negozi, i commercianti della vendita a dettaglio tengono a far sentire la propria voce.

Dopo l’ultimo decreto del Governo dello scorso 26 aprile che ha segnato il passaggio alla tanto attesa ‘Fase due’ sono arrivati i commenti delle associazioni di categoria. A Firenze Claudio Bianchi. presidente Confercenti Metropolitana di Firenze ha spiegato che ‘al governo è mancato il coraggio’. ‘Adesso – ha continuato – dobbiamo affrontare la fase 2 ma abbiamo bisogno di un aiuto forte, quello promesso e programmato non è sufficiente’. Poi Bianchi ha ricordato il valore delle attività di vicinato, senza le quali – ha ammonito – ‘le città cadrebbero in un degrado irreversibile. Le attività commerciali, artigianali e di servizio di vicinato, così come i mercati ambulanti, rappresentano un punto di riferimento sicuro, proprio perché di prossimità, e possono riaprire in tutta sicurezza, rispettando i protocolli che abbiamo condiviso e sottoscritto. A tal proposito, ipotesi specifiche categoria per categoria, sono già state consegnate al Governo e alla Regione. In gioco c’è la dignità e la vita delle nostre imprese ed il posto di lavoro di milioni di persone’.

Oggi va nella stessa direzione anche la lunga lettera che i commercianti di Scandicci hanno indirizzato al premier Conte. Tra le richieste ci sono l’annullamento di tutte le tasse relative al 2020, sia comunali che statali, contributi a fondo perduto (in base alla perdita delle attività), prestiti a tasso zero del 25% del fatturato (da restituire in 10 anni). Poi torna sul piatto anche l’abbassamento sulle tasse degli affitti ai proprietari dei locali commerciali, così da ridurre il costo di affitto per le imprese. I commercianti – nel loro appello – chiedono anche contributi immediati per coprire parte degli stipendi dei dipententi e la riduzione delle bollette dei principali servizi.

Promotore dell’appello è stato Vittoriano Farsetti, presidente del Consorzio del Centro Commerciale Naturale Scandicci Città Futura che ha chiamato a raccolta tutto il mondo di commercio e servizi del comune toscano, oltre alle associazioni di categoria del territorio. Confesercenti ha da subito abbracciato l’iniziativa spiegando che – lo slogan ‘se vive il commercio vive la città’ – oggi diventa quanto mai importante.

Infine Daniele Spinelli, presidente di Confesercenti Scandicci ha chiosato con l’augurio di ‘un ripensamento da parte del Governo che, quanto meno, tenga conto delle differenti realtà regionali’.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Negli ospedali lombardi, due mammografi su tre dispongono di tecnologia

L’erba tedesca è sempre stata il giardino di casa sua

Al culmine dell’anno più travagliato della nostra breve storia, quanto

Nel processo “Ambiente svenduto”, sul disastro ambientale e sanitario causato

“O Arcelor Mittal rispetta i termini della gara o non

TORINO – Come anticipato in articoli precedenti, confermiamo che l’importante

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.