Conti pubblici: Brunetta, “Il Governo dovrà rivedere i saldi della manovra”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Brunetta-

ROMA  – “A conti fatti, sara’ difficile che l’Italia possa uscire dalla stagnazione nel 2020, con il Pil che dovrebbe rimanere piatto e gli indicatori di finanza pubblica peggiorare di conseguenza. Un cane che si morde la coda, dal momento che, con la necessita’ di assicurare l’equilibrio dei conti pubblici, raggiungere l’obiettivo di crescita del +0,6% nel 2020 stimato lo scorso ottobre dal Governo e’ difficile, come riconosciuto dallo stesso ministro dell’Economia Roberto Gualtieri”. Lo scrive in una nota Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia. “Ci aspettiamo quindi una drastica diminuzione delle aspettative di crescita nel prossimo DEF di aprile. In questa situazione, anche il rating sovrano dell’Italia e’ a rischio, come dichiarato ieri da Kathrin Muehlbronner, responsabile dell’agenzia di rating Moody’s per la valutazione del debito italiano. Politiche fiscali in grado di aumentare il debito pubblico e un aumento del rischio di Italexit spingerebbero l’agenzia americana ad abbassare il rating, ha spiegato Muehlbronner. Se il Governo giallorosso continuera’ ad andare avanti sulla strada di aumentare la spesa pubblica, soprattutto quella assistenziale, il taglio del rating sara’ quindi una cosa da mettere in conto. L’Esecutivo – conclude – non sembra pero’ preoccupato dai suggerimenti di cambiare politica economica provenienti dagli esperti di rating e nemmeno del fatto che l’attuale crisi politica avra’ delle ripercussioni sui nostri titoli di Stato”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

CNA guarda con attenzione all’iniziativa del Governo per la riforma

Roger Federer fa 100 vittorie a Wimbledon e si prende

Sospeso il pagamento del pedaggio per gli operatori sanitari impegnati

La Commissione europea deve condannare un attacco del genere alle

“Siamo pronti alla sfida. Nelle prossime elezioni non si deciderà

Le imprese al femminile resistono meglio alla crisi: alle più innovative

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.