Contro #Scroccopoli le operazioni sono sempre attive

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
62459934_2283259798434245_4233403093045215232_n

Mese dopo mese mettiamo in atto controlli e liberiamo sempre più case popolari occupate da persone benestanti, per consegnarle a chi aspetta in graduatoria.

Un esempio su tutti: con un reddito di ben 218 mila euro, c’era chi occupava abusivamente un alloggio popolare in zona Fidene. In maniera indisturbata, fino a poco tempo fa. Abbiamo sgomberato l’appartamento, che ha subito accolto una famiglia che aspettava in graduatoria.

Negli ultimi mesi sono state fatte uscire dalle case popolari del Comune persone con redditi di 60, 30, 50 mila euro, alcune anche con immobili di proprietà. Il fatto che si trovassero negli immobili destinati a chi è in difficoltà è uno scandalo che non tollereremo mai. E nuove operazioni sono già calendarizzate per le prossime settimane.

In gioco c’è il futuro delle famiglie che aspettano in graduatoria, anche da molti anni, onestamente, e che devono avere giustizia. In gioco c’è anche il futuro stesso di Roma, una città che non può tollerare simili soprusi e che per rinascere deve eliminare questi veri e propri blackout sulla gestione del patrimonio comune.

Ringrazio sempre per il fondamentale lavoro portato avanti le donne e gli uomini della Polizia Locale, insieme ai dipendenti e alle dirigenze del Dipartimento Patrimonio e Politiche Abitative e della società in house AequaRoma, che ci aiuta con gli strumenti più moderni a realizzare controlli incrociati fra banche dati portando alla luce situazioni inaccettabili, che devono sparire da questa città.

Una cosa che amo è conoscere le famiglie che vengono qui, negli uffici comunali, a firmare per l’assegnazione. Sono momenti che alcuni aspettano da tanto: il sogno di una casa, un futuro più sicuro per i propri figli, una protezione per gli anni di maggiore fragilità della propria vita, la prova che l’Amministrazione è vicina.

Le assegnazioni si sono già accelerate rispetto a qualche anno fa. Continueremo decisi su questa strada.       di rosalba caltagiorone

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Oggi ho incontrato il vicepresidente Schinas e la commissaria agli

Sembra di essere tornati ai tempi di Pinochet… Di seguito

Da quando siamo al Governo, a dispetto della narrazione distorta

L’Unione Sindacale di Base ha più volte dato indicazione alle

Nella mattinata odierna, alle ore 11:00 circa, un funzionario della

«Ho ricordi drammatici. Le condizioni nei campi erano durissime ed

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.