Controlli negli alberghi, b&b e affittacamere

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
66753561_1750711195072464_1636131065145851904_n

Scattate denunce e sanzioni per oltre 115.000 euro. #tutelaconsumatore #abusiedilizi

ROMA – Verifiche ad ampio raggio sono state eseguite con le unità del GSSU (Gruppo Sicurezza Sociale Urbana) unitamente ai Gruppi territoriali, presso le attività ricettive in varie zone della Capitale.
Nei primi sei mesi del 2019, sono state accertate irregolarità per oltre 115.000 euro di sanzioni, elevate nei confronti di gestori di alberghi e attività extra-alberghiere, quali affittacamere e bed & breakfast. Diverse le denunce per frode in commercio e abusi edilizi.
I controlli, tesi a contrastare gli abusi nel settore degli alloggi turistici ed a tutelare chi opera rispettando le regole, hanno interessato diversi quartieri della città, ponendo un’attenzione particolare per le zone a maggiore richiamo turistico, quali il Centro Storico e l’area circostante il Vaticano.
Nel corso degli interventi, coordinati dal Vice Comandante Stefano Napoli, gli agenti hanno riscontrato, in almeno 15 casi, illeciti per assenza della certificazione obbligatoria di inizio attività o per un aumento di posti letto rispetto a quelli autorizzati in affittacamere e b&b, di fatto gestiti come veri e propri alberghi.
Accertate anche altre irregolarità per per mancata o irregolare esposizione dei prezzi, occupazioni di suolo pubblico non conformi, anomalie sui titoli di somministrazione e assenza di indicazione degli alimenti surgelati nel menù, reato per il quale si è proceduto nei confronti di 4 persone, denunciate per frode in commercio. Nel corso delle verifiche, il personale ha inoltre rilevato presso alcune attività anomalie a carattere igienico -sanitario, oltreché numerosi abusi di natura edilizia che hanno fatto scattare già le prime denunce: lavatoi o magazzini trasformati in camere o addirittura in suite, nonché coperture illegali di terrazze e patio per la realizzazione di sale ristorante o saloni per convegni, illeciti per i quali sono state avviate ulteriori indagini, tuttora in corso.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

LIVORNO – L’ultima volta che era stata a Livorno era

Il capo dello Stato russo ha sottolineato come il valore

“Un incontro costruttivo e cordiale”. Così il presidente del Consiglio

CODACONS: GIÀ CENTINAIA DI RISCHIESTE ALLO STAFF SPECIALIZZATO DELL’ASSOCIAZIONE IL

IL CORONAVIRUS È STATO IN REALTÀ UN CORONAMISSILE PUNTATO DAI

Cari genitori, cari ragazzi, quello che sta per avvenire con

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.