Coronavirus, 40 milioni in più per ristoro musei non statali e sale cinematografiche

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
teatro

“Le risorse per il sostegno alle sale cinematografiche aumentano di 20 milioni di euro, arrivando così a un totale di 60 milioni di euro destinati a ristorare i mancati introiti da bigliettazione”.

Così il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, al momento della firma del decreto con cui è stata incrementata di ulteriori 20 milioni di euro la quota parte di 40 milioni di euro del fondo emergenza spettacolo e cinema, istituito dal Decreto Legge Cura Italia, destinate con i DM del 5 giugno e 10 luglio 2020 al ristoro per i mancati introiti da bigliettazione delle sale cinematografiche. Viene elevato così a 20.000 euro il contributo fisso a ciascuna sala, ai quali si aggiungerà il contributo variabile in base ai mancati introiti.

“Le risorse per il ristoro dei musei non statali sono aumentate di 20 milioni di euro, portando così il totale disponibile per sopperire ai mancati introiti da bigliettazione a 70 milioni di euro”.

Lo ha detto il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, alla firma del decreto con cui è stata incrementata di ulteriori 20 milioni la quota parte di 50 milioni di euro delle risorse del fondo emergenza imprese e istituzioni culturali, istituito dal Decreto Legge Rilancio, destinate con DM del 26 giugno 2020 al ristoro per i mancati introiti da bigliettazione dei musei e dei luoghi della cultura non statali.

“In questo modo – ha aggiunto il Ministro – si potranno sostenere quasi integralmente le esigenze manifestate e permettere a queste istituzioni culturali di poter proseguire nella loro fondamentale attività”.

Fonte: MIBACT

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La scorsa settimana il presidente USA, Donald Trump, aveva minacciato

GENOVA – “Giusta la revoca delle concessioni: se Autostrade aveva

“In un’Europa che sta crescendo pur tra molte difficoltà, l’Euregio

Ha messo in ordine le idee su un foglietto. Appunti

Facciamo una premessa: se verranno pubblicate delle sequenze che dimostrano

Anzi no, la prima cosa è seria. Il governo stamane

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.