ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Coronavirus, alcune classi delle scuole piombinesi in quarantena

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
scuola

PIOMBINO (LI) – Alcune classi delle scuole piombinesi sono state interessate dal coronavirus: due operatori scolastici della scuola dell’infanzia dei Ghiaccioni sono risultati positivi al Covid-19 pertanto le quattro sezioni della scuola e le insegnanti dovranno osservare un periodo di quarantena. Anche alla scuola media Guardi tre classi sono in quarantena a causa della positività di un docente e di uno studente che ha contratto il virus da un familiare. Gli studenti di altre due classi saranno sottoposti al tampone in via precauzionale ma, al momento, non è stata disposta la quarantena; altrettanto per una classe della scuola elementare dei Ghiaccioni.
Uno studente dell’Isis Carducci Volta Pacinotti, residente fuori dal territorio, ha contratto il virus da un contatto familiare: lo studente non frequenta la scuola già da alcuni giorni ma, in via precauzionale, i compagni di classe osserveranno un periodo di quarantena.

“I casi stanno inevitabilmente aumentando – dichiara il sindaco Francesco Ferrari – e la scuola è un luogo in cui limitare i contatti è molto difficile nonostante i complessi protocolli messi in atto. Un solo caso in un istituto scolastico innesca una catena di quarantene che, da ora e nelle prossime settimane, probabilmente interesseranno molte famiglie con tutte le difficoltà organizzative che la circostanza implica. Ciononostante, il Comune non ha la competenza per decidere se mantenere aperte le scuole o meno: faremo del nostro meglio per essere al fianco degli operatori, degli studenti, dei docenti e delle famiglie in questo periodo così delicato. L’unica cosa che possiamo fare è rispettare rigorosamente le regole, tutti quanti, in ogni contesto, sia quello familiare che lavorativo o scolastico”.

Le misure di quarantena sono state disposte in conseguenza alla positività di pazienti già comunicati precedentemente.

“Siamo in contatto costante con i dirigenti scolastici – spiega Simona Cresci, assessore all’Istruzione e ai Servizi educativi – per supportare la scuola in questo momento. Nonostante le rigide misure di sicurezza, rigorosamente rispettate dentro le mura scolastiche, il contagio non può essere evitato se non rispettando il distanziamento e gli altri dispositivi anche fuori dal contesto scolastico. Dobbiamo rispettare tutti le regole per poter continuare a garantire la frequenza ai nostri figli, intanto voglio ringraziare le famiglie e gli studenti per la collaborazione dimostrata in una circostanza così delicata”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

E’ il caso di Giovanna, che non riesce a comprare

Il fiume Po attraversa l’area maggiormente industrializzata del paese ed

Ma cambi anche il Comitato Tecnico Scientifico. I casi inglese

GLI ENTI LOCALI SICILIANI POTRANNO FINALMENTE CHIUDERE I BILANCI PREGRESSI,

pittella

Nella storia repubblicana è la quarta volta che gli italiani

I campioni in carica statunitensi superati 1-0 dal seminario mariano

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.