ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Coronavirus, aumentano le liti in famiglia ma diminuiscono le richieste di aiuto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
violenza

GENOVA – Un lieve aumento delle liti in famiglia mentre sono in leggero calo le chiamate per chiedere aiuto dopo una violenza. E’ quanto registrato dalle volanti della polizia di Genova dall’8 marzo a oggi. La diminuzione delle richieste di auto, sostengono gli investigatori, è dovuto alla impossibilità per molte donne di chiamare vista la convivenza forzata con mariti e compagni violenti.

“Per questo – sottolinea la dirigente delle volanti Anna Leuci – è importantissimo in questo periodo legato all’emergenza Coronavirus usare l’applicazione YouPol. Anche un vicino di casa, un testimone può contattarci e contribuire a salvare una donna in pericolo”. La applicazione può essere usata, dopo averla scaricata sul cellulare, sia registrandosi come utente sia in forma anonima. Chi la usa viene geolocalizzato in modo da consentire agli agenti di capire subito dove intervenire. “E’ uno strumento utilissimo – conclude Leuci – e lancio un appello a chiunque sappia di aggressioni, violenze e maltrattamenti, di non esitare a usarla. Una segnalazione tempestiva, anche anonima, consente di evitare situazioni e conseguenze gravi e di salvare una vita”.

Il problema in questo periodo di convivenza forzata per molte coppie non è il tempo infinto da trascorrere in casa, ma la condivisione degli spazi fisici. “Più gli spazi sono ridotti e maggiori sono le possibilità di conflitto proprio perché è più difficile trovare quei momenti d’intimità con se stessi necessari per andare avanti. Gli effetti dell’isolamento sulla coppia possono essere opposti, si può avere un’intensificazione dei conflitti o una rarefazione dei rapporti e degli scambi affettivi come un tentativo di isolarsi per mantenere intatta la propria identità, per non confondersi con l’altro e per non perdere il contatto con aspetti di sé indispensabili per vivere serenamente” chiarisce Adelia Lucattini, psicoanalista della Società Psicoanalitica Italiana.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

polizia

PRATO – Un ingente quantitativo di droghe sintetiche è stato

«L’obiettivo è ambizioso ma non impossibile: d’intesa con il sindaco

salvini

Salvini vedrebbe di buon occhio Berlusconi come Presidente della Repubblica.

Questo weekend del 6-7 marzo crollano le temperature su mezza

cuccioli

È discussione in Commissione Giustizia del Senato un disegno di

E’ polemica sul reddito di cittadinanza che verrebbe percepito da

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.