ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Coronavirus, Bassetti: “Asintomatici? Contagio da carica virale”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
bassetti

GENOVA – “Il tema degli asintomatici andrebbe studiato di più e meglio. L’Organizzazione mondiale della sanità dovrebbe usare un po’ più di cautela quando vengono date certe notizie: buona parte delle misure che stiamo utilizzando sono state prese proprio per evitare il contagio dagli asintomatici, che rappresentano un problema importante. La possibilità o meno di trasmettere il virus è una questione legata alla carica virale, può variare tra soggetto e soggetto” scrive su Facebook il direttore della clinica di Malattie infettive del policlinico San Martino di Genova, Matteo Bassetti.

“Gli asintomatici non sono tutti uguali ce ne sono quattro categorie: gli asintomatici che resteranno tali, che sono portatori sani del virus e che dovrebbero avere una bassa carica virale, quindi bassa probabilità di contagiare; gli asintomatici che nel giro di qualche giorno svilupperanno i sintomi, i cosiddetti pre sintomatici ovvero quelli nella fase di incubazione, e presentano una più alta carica virale, con una conseguente maggiore probabilità di essere contagiosi” spiega l’infettivologo.

Poi, prosegue Bassetti, ci sono i “paucisintomatici, ovvero soggetti che presentano sintomi lievissimi e che possono passare inosservati, con una carica virale ancora, diversa probabilmente più elevata. La quarta categoria è quella dei ‘non più sintomatici’, quelli che sono guariti e che dopo due tamponi negativi tornano ad avere positivita’: questi hanno probabilmente carica virale bassissima o addirittura nulla e non sono in grado di trasmettere l’infezione”.

Per il presidente della Societa’ italiana di terapia antinfettiva, “bisognerebbe misurare la quantità di virus presente sul tampone o su altro materiale testato e dare un numero. Quindi non solo se uno è positivo o negativo, ma anche quanto virus c’è. Fare, quindi, un esame sia qualitativo che quantitativo. Solo così si potrebbe stabilire la soglia sopra la quale si è contagiosi oppure no”.

Infine, un messaggio di speranza: “I numeri dei nuovi contagi continuano a scendere così come i ricoveri nei nostri ospedali. Speriamo che con la fine del mese di giugno si possa festeggiare la fine di questa prima ondata. Ce lo meritiamo tutti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La questione Piaggio Aero Space in amministrazione straordinaria rischia di

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha definito le modalità

boschi

“Chiedere scusa? Neanche per sogno. Si scusi lei, Maria Elena

GENOVA – Il Comune di Genova ha firmato una nuova

100 milioni aggiuntivi per le indennità accessorie dei dirigenti dei

E’ stata del cento per cento l’adesione da parte dei

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.