Coronavirus, Bill Gates si difende da teorie cospirazione epidemia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
gates

Roma  – “E’ una sfortunata combinazione di pandemia, social network e persone che cercano una spiegazione semplice”. Con queste parole il miliardario americano Bill Gates ha scacciato le teorie complottistiche diffuse sui social che lo accusano di essere all’origine della pandemia di coronavirus.

In rete sono diventati virali due falsi articoli e foto modificate, tradotti in varie lingue, e un video in cui si accusa Gates di “voler eliminare il 15% della popolazione” con la scusa del vaccino. Il video stato visto milioni di volte su YouTube.

“La nostra fondazione ha donato pi soldi di tutti gli altri gruppi per trovare un vaccino che salvi delle vite”, si difeso Bill Gates aggiungendo di auspicare che questa campagna complottista non renda la popolazione scettica sul vaccino quando sar disponibile. Tra le altre fake news della teoria complottista anche che Gates voglia sfruttare la crisi “per controllare le persone”, abbia orchestrato un avvelenamento di massa in Africa e che sia stato arrestato dal Fbi per “terrorismo biologico”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

In barba alle norme secondo le quali la nomina del

Il numero uno del calcio mondiale si dice triste per

Da settembre inizia un percorso di confronto, dapprima tra Eni

”Le regole sugli spostamenti per contenere la diffusione del coronavirus

Trieste – “Abbiamo mantenuto l’impegno e chiuso il cerchio questa

Roma  – I finanzieri del Comando Provinciale di Perugia hanno

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.