Coronavirus, Codacons Medici: odissea nelle case di riposo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
anziani

Il dramma nel dramma nella tempesta corona virus: quello delle case di riposo. Sono le strutture in questo momento più fragili ed indifese e quasi nessuno sembra occuparsene se non quando magari scoppia una emergenza come a Messina, dove 21 ricoverati su 70 sono risultati contagiati insieme a tutti i 16 assistenti dipendenti – denuncia oggi il Codacons Medici– Occorre intervenire subito innanzitutto per “blindare” queste strutture chiudendo l’accesso a tutti tranne che al personale: quindi niente visite da parte dei familiari, niente visite mediche di controllo ed esami strumentali se non strettamente necessari, niente contatto con fornitori vari. Coronavirus Codacons medici

Il personale assistenziale dovrà ovviamente essere dotato di dispositivi di protezione adeguati ed allertato e formato sui primi segnali dell’insorgenza del COVID19. Ma un altro grande problema, colpevolmente ignorato, è quello dei possibili rientri in struttura dopo ricovero ospedaliero. Considerando l’età degli ospiti delle case di riposo, è infatti possibile che necessitino di un ricovero e, dopo un periodo più o meno lungo, si pone il dilemma del rientro e qui ovviamente la situazione diventa molto complicata. Come si fa infatti ad essere sicuri che l’assistito non si sia contagiato nel caso la diagnosi di ricovero non sia legata al COVID-19 ed ancora peggio come si fa a fare rientrare con sicurezza un eventuale malato COVID seppur apparentemente guarito? Si domanda il Codacons Medici.

Unica soluzione possibile pensare a delle strutture residenziali dedicate a ospitare questo genere di anziani per tutto il periodo, speriamo breve, di questa emergenza epidemica ed in questo l’ente che deve intervenire, trovare i locali, reperire il personale è il Comune di riferimento dell’anziano. Quindi i signori amministratori locali e i servizi sociali si attivino subito, senza temporeggiamenti burocratici ed organizzativi che sarebbero intollerabili ed ingiustificabili. Coro

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Sciopero della fame per il garante regionale dei detenuti, Franco

“Il governo è iniziato bene e il Pd vuole essere

8giorni 7 notti Partenze dal 14 giugno 2019 al 09

marcozzi

Già nel 2013, da attivista del M5S, avevo depositato un

Sono molto soddisfatta per le 6 risoluzioni approvate durante la

Sbarco urgente per motivi sanitari per alcuni migranti a bordo

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.