Coronavirus e carceri, Bonafede: “Stato non indietreggia”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
bonafede

“Fuori dalla legalità e addirittura nella violenza non si può parlare di protesta si deve parlare semplicemente di atti criminali”. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, nel suo intervento al Senato sulla situazione nelle carceri durante l’emergenza coronavirus, sottolineando come lo “Stato non indietreggia”. “Lo dico anche per sottolineare che in le immagini dei disordini e gli episodi più gravi sono ascrivibili a una ristretta parte dei detenuti – ha continuato – la maggior parte di essi infatti ha manifestato la propria sofferenza e le proprie paure corresponsabilità e senza ricorrere alla violenza”.

“Questo – ha detto il ministro – è un momento difficile per il Paese, ma il nostro dovere è chiarire, tutti insieme, che lo Stato italiano non indietreggia di 1 cm di fronte all’illegalità”. Poi il bilancio delle proteste: “Il bilancio complessivo di queste rivolte è di oltre 40 feriti della polizia penitenziaria, a cui va tutta la mia vicinanza e l’augurio di pronta guarigione, e purtroppo di 12 morti tra i detenuti per cause che, dei primi rilievi, sembrano perlopiù riconducibili ad abuso di sostanze sottratte all’infermeria durante i disordini”.

“Stiamo parlando di rivolte portate avanti da almeno 6000 detenuti su tutto il territorio nazionale che, di fatto, hanno messo in evidenza l’Asia notte carenze strutturali del sistema penitenziario’’, ha aggiunto, evidenziando: “E’ evidente che tutti questi sforzi profusi dall’amministrazione al solo scopo di evitare che l’epidemia si faccia largo nelle carceri rischiano di essere gravemente compromessi dalle rivolte di questi giorni che hanno causato l’inagibilità di un numero elevatissimo di posti detentivi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il segreto? Ridiamo insieme, ci vogliamo bene, ci prendiamo in

CODACONS: DATI ANCORA LONTANI DAI LIVELLI PRE-COVID. FIDUCIA CONSUMATORI PERDE

È stato pubblicato oggi l’avviso pubblico per l’adesione delle famiglie

L’uso corretto delle parole da parte del legislatore è fondamentale.

Da ieri, primo gennaio cashback 2021 di Stato a pieno

La manovra finanziaria 2020 ha ottenuto la fiducia e il

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.