ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Coronavirus. Il settore primario può fare la differenza

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Tiso_Andrea_Michele-696x928

In momenti così complessi e difficili per il nostro Paese – dichiara il Presidente nazionale Confeuro, Andrea Michele Tiso – tutti noi dobbiamo dare il nostro contributo per superare l’emergenza e per fare in modo che il comparto agroalimentare sia in grado di rispondere ai fabbisogni dei cittadini.
L’idea di un tavolo permanente per l’agricoltura – continua Tiso – costituisce un passaggio essenziale per raggiungere questo obiettivo e per ridare al primario la centralità che merita. Come Confeuro siamo assolutamente disponibili a discutere con tutti coloro che hanno a cuore gli interessi del Paese. L’auspicio è che questo tavolo permanente sia tempestivo e plurale, che agisca sin da subito con un approccio costruttivo e che consegua risultati tangibili. Il sistema agricolo – conclude Tiso – rappresenta il fiore all’occhiello del made in Italy, nonché la sua arma migliore per uscire dalla crisi sanitaria, economica e sociale causata dalla diffusione del coronavirus.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

letta

Oggi, 1 maggio, c’e’ poco da festeggiare Piuttosto, l’unico modo

ANTICIPARE APERTURA O SARA’ CATASTROFE PER SETTORE POSSIBILE GIA’ DAL

Reddito di cittadinanza:

Secondo gli ultimi dati diffusi dall’INPS, sono 895.220 le richieste

morto all’età di 71 anni l’ex difensore di Inter, Bologna,

La modifica dell’articolo 131bis del decreto legge del 14 giugno

gelmini

“Tra i tanti settori che ancora stanno patendo la crisi

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.