Coronavirus, Merkel: “Situazione più grave da fine guerra mondiale”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
merkel

La crisi del coronavirus è la situazione più grave che la Germania si trova ad affrontare dalla fine della seconda guerra mondiale. E’ quanto dirà questa sera la cancelliera tedesca Angela Merkel in un discorso televisivo alla nazione, secondo anticipazioni distribuite ai media. “Dalla fine della Seconda Guerra Mondiale il nostro paese non doveva affrontare una tale sfida che dipende così tanto dal nostro agire insieme in solidarietà”, dirà la cancelliera, esortando a non fare incetta di generi alimentari.

E’ ”necessario rallentare la diffusione del coronavirus con misure appropriate e ragionevoli” in modo da ”guadagnare tempo”, ha affermato la cancelliera tedesca. Serve ”tempo per sviluppare la ricerca del vaccino e dei medicinali” utili a contrastare la diffusione del Covid-19, ”ma tempo soprattutto per curare al meglio tutte le persone che si ammalano”.

Occorre ”ridurre tutto quello che mette in pericolo le persone” e ”può danneggiare i singoli e la comunità”. Solo ”così possiamo ridurre il rischio” rappresentato dal nuovo coronavirus. Per questo, ha proseguito Merkel, ”dobbiamo indirizzare tutti i nostri sforzi verso un unico obiettivo”, ovvero ”la riduzione della vita pubblica”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Manzi (Radicali italiani): “La mia azione nonviolenta contro il fine

Roma e Milano sono nella top ten delle città del

Tre serate, il 23, 30 luglio e 6 agosto, con

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato il

«Coesione nazionale» e «identità italiana». Saranno questi, almeno a detta

La #legalità è un valore assoluto, così come lo Stato

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.