Coronavirus, Nobili: “La strada giusta è quella tracciata da Draghi”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
draghi

“Come ha ricordato molto bene oggi nel suo intervento in Senato Matteo Renzi, la strada giusta è quella tracciata da Mario Draghi”. Lo dichiara Luciano Nobili, deputato di Italia Viva.

“L’Italia – continua Nobili – ha commesso alcuni errori nella gestione dell’emergenza sanitaria, l’Europa ha commesso un clamoroso errore di sottovalutazione del Coronavirus. Ma ora non è tempo di recriminazioni. Come ha ricordato Draghi occorre un profondo cambio di mentalità e la massima rapidità di azione. Non solo serve maggior debito pubblico, non solo serve liquidità alle imprese grandi, medie e piccole, non solo servono ingenti risorse ma assoluta velocità. Il danno di ulteriori ritardi sarebbe potenzialmente irreversibile”.

“Serve un’Europa consapevole di un comune destino, serve una strategia per evitare che la recessione in arrivo si trasformi in una catastrofe, serve far ripartire le aziende prima possibile, serve sbloccare, non appena possibile, i cantieri con il Piano Shock, serve che l’Italia faccia la sua parte, stanziando molto più di quello che è già stato reso disponibile”, conclude Nobili.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Partiamo dai numeri. Secondo le stime emerse alcuni mesi fa

La popolarissima serie TV Vikings torna a dicembre per la

Nel Lago di Garda avviene un fenomeno tipico dei grandi

Ancora non è ufficiale il nuovo messale con l’uscita della

FIRENZE – “Non è accettabile trovare insetti di diversa tipologia

Oltre 140 persone si trovano catapultate, con un preavviso di

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.