ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Coronavirus: non lasciamo soli i nostri concittadini all’estero

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
passaporto-thegem-blog-default

“Ciao, sono Fabio di Napoli.

Scrivo perché in questo momento quasi nessun partito politico sta facendo nulla per chi, come me, si trova in mobilità internazionale e non sa davvero come comportarsi.
Non ci arrivano informazioni né dal Governo né dall’UE. Siamo stati lasciati soli a noi stessi.
Anche se volessimo tornare e metterci in quarantena non potremmo poiché molte nazioni non hanno collegamenti diretti con l’Italia e, se ci sono, costano più di 400€.
Nessuno parla di noi, ci siamo ma siamo invisibili.
Ancora una volta chi va via per acquisire conoscenze e tornare con maggior cultura viene lasciato da solo nei momenti di difficoltà.

Spero tu possa leggere e magari portare in risalto questa situazione.”

È uno dei messaggi che ci è arrivato, oggi, su una situazione che riguarda decine di migliaia di persone: Italiani all’estero per un periodo temporaneo, che in un momento come questo rischiano di rimanere bloccati fuori dai confini nazionali. Sono 47.000 solo le studentesse e gli studenti Erasmus partiti quest’anno, cui vanno aggiunti dottorandi, lavoratori stagionali e tutte le persone che – mentre il virus inizia a diffondersi in tutti i paesi europei – cercano di tornare a casa. È di pochi minuti fa la notizia che Bruxelles ha invitato tutte le università europee a sospendere i «viaggi all’estero o in Italia se non per comprovate esigenze di lavoro, situazioni di necessità o motivi di salute» (di fatto non consentendo nuove mobilità Erasmus per i prossimi mesi).

E se sembra risolta la questione della modifica dei piani di studi (tutti i diretti interessati potranno invocare la «clausola di forza maggiore» per cambiare i loro piani e sostenere gli esami qui in Italia, dopo aver fatto ritorno), rimane da affrontare la situazione di chi in queste ore sta cercando di tornare in Italia, dovendo fare i conti con costi altissimi dovuti alla scarsità dei trasporti o con i blocchi della maggioranza dei voli aerei.

Una questione grave, complicata dal fatto che molti di loro rischiano di perdere l’alloggio, se le università straniere decideranno – come sta iniziando ad avvenire qui in Italia, con tutti i disagi del caso – di agire sugli studentati per diminuire le possibilità di contagio.

Chiediamo al governo di attivarsi immediatamente e facilitare il ritorno a casa per chi si trova all’estero e vuole tornare in Italia, con un contributo sui prezzi dei biglietti aerei o attivando dei collegamenti appositi, come fu fatto a inizio febbraio per le persone che si trovavano a Wuhan.

I nostri concittadini all’estero non devono essere lasciati soli.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

salvini

Caro direttore Feltri, è vero: per me sarebbe stato più

Nella società digitale in cui viviamo, le tecnologie permettono di

migrant

E’ di nuovo emergenza a Lampedusa, dove nell’hotspot sono state

Questa mattina l’Osservatorio Culturale del Piemonte ha presentato la sua

ambiente

Dalla collaborazione tra Regione Lombardia, ENEA e GSE (Gestore dei

Due suicidi e un caso di morte naturale. Davvero inaccettabile.

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.