Coronavirus, von der Leyen: “Leader Ue mostrino unità”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Von-der-Leyen

Nell’Unione europea “siamo a un punto di svolta: o lasciamo che il virus ci divida tra ricchi e poveri, oppure ci alziamo come un continente più forte”, agendo insieme. “Forse possiamo emergere da questo crisi più forti e migliori”. Lo sottolinea la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, intervenendo nella sessione plenaria straordinaria del Parlamento Europeo che si tiene oggi a Bruxelles.

“Il nostro ruolo come istituzioni europee, decisori politici e leader è di mostrare la stessa fiducia, la stessa unità e la stessa leadership” che stanno dimostrando di avere i popoli europei, davanti alla pandemia di Covid-19, sottolinea la presidente della Commissione europea. C’è solo “una cosa più contagiosa del coronavirus – continua von der Leyen – l’amore e la compassione. Davanti alle avversità, i popoli d’Europa stanno dimostrando quanto forti possano essere l’amore e la compassione”. “Piccoli atti di gentilezza, di compassione e solidarietà stanno aiutando a diffondere speranza in tutta Europa, dal volontariato ai canti dai balconi, dalle cartoline spedite a coloro che sono da soli, a quelli che fanno la spesa per gli anziani. Facendo ciascuno il suo piccolo pezzo, possiamo aiutarci molto gli uni con gli altri”, afferma.

“Tengo a rendere omaggio alle donne e agli uomini che combattono” il coronavirus Sars-Cov-2. “Penso agli infermieri, ai medici e ai prestatori di assistenza, in Italia e in tutta l’Europa, che sono corsi incontro al pericolo senza porsi domande. Questi eroi si mettono in gioco, giorno dopo giorno, per salvare i nostri parenti e i nostri nonni, i nostri amici e i nostri colleghi, i prossimi e gli estranei”, ha sottolineato von der Leyen lanciando infine un monito: una volta passata la pandemia di Covid-19, gli europei “si ricorderanno di chi c’è stato per loro e di chi non c’è stato. Si ricorderanno di chi ha agito e di quelli che non lo hanno fatto. Si ricorderanno delle decisioni che prenderemo oggi. E di quelle che non prenderemo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La Polizia Municipale informa che venerdì 28 giugno 2019, in

GIRI DI PAROLE primo club di lettura itinerante di Catania

Si è svolta recentemente a Tesimo la tradizionale festa degli

L’Inter batte 2-1 in rimonta il Bologna grazie a un

L’Istat registra, a novembre, una “leggera ripresa” del tasso di

MILANO  – Via libera da Regione Lombardia alla delibera per

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.