COVID-19: A RISCHIO CHIUSURA PER LA PROSSIMA STAGIONE TV MOLTE TRASMISSIONI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
televisivo

La pubblicità diretta in Italia iniziò il 3 febbraio del 1957 nella Tv pubblica da allora nè è passata di acqua sotto i ponti, dopo 63 anni c’è grande preoccupazione per il calo di circa il 50% nelle holding pubblicitarie mondiali, da quando sono diventate ufficiali le misure per contrastare il dilagare dell’epidemia Covid-19 in Europa, potrebbero esserci gravi ripercussioni anche sul comparto televisivo italiano.

Fatto sta che già alcune televisioni nel 2019 avevano perso in media il 5.3% di introiti pubblicitari, basti pensare che solo i colossi del web come Facebook e Google, hanno già perso 44 miliardi nel primo trimestre 2020, il calendario di programmazione e la pubblicità televisiva sono stati messi in disordine dalla pandemia in questi ultimi mesi, per esempio la Magna Global statunitense recentemente ha rivisto le previsioni di spesa pubblicitaria per l’anno e ora prevede che le entrate pubblicitarie per la TV nazionale diminuiranno del 13% già dal primo mese.

Molte aziende televisive stanno cercando di razionalizzare le spese e organizzare le risorse umane in modalità stand by, i figuranti delle maggiori trasmissioni italiane sono rimasti a casa senza alcuna entrata, sono finite le ospitate per i vari commentatori e opinionisti Tv, parte dei collaboratori delle redazioni a casa.

Una crisi che rischierà di travolgere l’intera televisione italiana, probabilmente le uniche trasmissioni sicure nella prossima stagione saranno i Tg, e alcune trasmissioni d’informazione, le testate giornalistiche televisive d’informazione e di servizio pubblico, basti pensare che in questi giorni si parla di alcune trasmissioni tagliate dai palinsesti già al primo mese di crisi per la prossima stagione, facendo un rapido calcolo probabilmente più del 50% delle trasmissioni televisive nella prossima stagione potrebbero chiudere o cambiare configurazione, anche perché i grandi network tv dovranno garantire l’occupazione ai dipendenti a tempo indeterminato e ridurre i costi in modo considerevole.

Una situazione che peggiorerà se la crisi continua e gli investimenti pubblicitari non si riprendono, a sottolinearlo anche l’Uteca in Spagna, che dice di essere in attesa di conoscere le condizioni e le identità dei canali che potranno ricevere gli aiuti pubblici che dovrebbe effettuare il governo, in Italia intanto decine i milioni che sono stati persi per i mancati introiti del Calcio.

Rischiano grosso i reality, le trasmissioni trash e quelle tematiche, naturalmente sono solo delle ipotesi, fatto sta che secondo voci di corridoio sia Viale Mazzini che a Cologno Monzese, stanno studiando un piano B il tutto in modo veloce per cercare di superare il momento, garantendo lavoro a più persone dipendenti e preservare le trasmissioni amate dai telespettatori.

Marco Ferraglioni   fonte https://www.blogsocialtv.com/2020/04/03/covid-19-a-rischio-chiusura-per-la-prossima-stagione-tv-molte-trasmissioni/

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Agevolare la ripresa del sistema economico, contenere e prevenire manifestazioni

Il caso di Vincenzo De Luca andrebbe studiato nelle scuole

Quarant’anni fa il primo parlamento europeo eletto a suffragio universale.

La “Podistica Teverolese” compie 25 anni. La realtà sportiva è

Denunciare e raccontare con attenzione tutto ciò che può essere

Tante volte mi viene chiesto quali problemi incontriamo alle nostre

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.