Covid, Bassettti: “1 anno fa non eravamo pronti, ma il sistema ha retto”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
bassetti

“Non eravamo pronti. Negli ultimi 20 anni il sistema sanitario è stato cannibalizzato dai tagli. Certo sarebbe stato meglio avere un piano pandemico più aggiornato. Ma chi avrebbe pensato a 100mila morti in Italia?”

Così, su La Stampa, Matteo Bassetti, infettivologo dell’ospedale San Martino di Genova.

“La nostra ricetta vincente è stata mantenere la calma, non andare in confusione. Il sistema, mi riferisco a medici e infermieri, ha retto. È stata dura ma siamo qua – prosegue. Bergamo è stato il punto più basso. Non solo per le bare ma per il maxi focolaio con il 50% delle persone che si sono contagiate – aggiunge. Vaccinarsi tutti e presto è il modo migliore per fermare il virus e le sue varianti. Ma bisogna vaccinarsi in tempo breve – sottolinea. Negli Usa contano di arrivare all’immunità di gregge ad aprile. In Italia non abbiamo nemmeno iniziato la vaccinazione di massa. È da un anno che si sapeva che arrivava il vaccino. La campagna vaccinale è perdente. Non siamo arrivati preparati. Tutta l’Europa non è arrivata preparata. Le prossime cinque settimane saranno decisive. . Adesso dobbiamo vaccinarci e investire di più nella ricerca” conclude.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

AMBIENTE. ASSESSORE BOTTACIN REPLICA AL CONSIGLIERE LORENZONI, “PER LA QUALITA’

Grillo fa lo show ma non lo seguono proprio tutti.

Un rosso da 17,1 milioni di euro che portano dure

“‘Il ‘turista per caso’ Di Battista, che vomita insulti e

Esistono persone pubbliche di cui pensiamo di conoscere ogni cosa

La drammatica situazione sanitaria attuale dovuta al COVID19 era prevedibile.

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.