ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Covid: CdS, improcedibile appello Sgarbi su chiusure

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
sgarbi

ROMA  – È stato dichiarato improcedibile dal Consiglio di Stato l’appello proposto da Vittorio Sgarbi e dal Codacons contro l’ordinanza cautelare del Tar del Lazio che ha respinta la richiesta di sospensione del Dpcm del 3 novembre scorso che, nel disporre le misure di contrasto al diffondersi del Covid-19, ha ritenuto di sospendere le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura. I giudici di Palazzo Spada, però, hanno sostenuto che la misura in questione sia emergenziale, non deve sacrificare la fruizione del patrimonio storico e artistico italiano e può essere assicurata da modalità in grado di evitare efficacemente la diffusione del virus. Il Consiglio di Stato ha ritenuto l’appello di Sgarbi e del Codacons “improcedibile per sopravvenuto difetto di interesse”, in quanto il Dpcm contestato “ha cessato i propri effetti alla data del 3 dicembre 2020, quanto alle misure qui contestate, e non sussiste dunque alcun pregiudizio derivante dalla sua esecuzione, mentre le successive identiche misure prorogate con il Dpcm del 3 dicembre 2020 fino alla data del 15 gennaio 2021 ormai prossima sono state contestate dall’odierno appellante mediante un ulteriore ricorso per motivi aggiunti”. I giudici di Palazzo Spada hanno ritenuto comunque che “la temporanea sospensione delle mostre e dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura, è una misura emergenziale che, pur nel costante monitoraggio dell’attuale grave situazione epidemiologica a tutela del diritto della salute quale interesse della collettività contro il carattere particolarmente diffusivo del virus Sars-CoV-2, non si sottrae al rispetto del principio di proporzionalità e non deve interamente sacrificare la fruizione dal vivo del patrimonio storico e artistico della nazione, nel doveroso bilanciamento con il diritto alla cultura secondo la prospettiva costituzionalmente orientata a rimuovere tutti gli ostacoli di ordine sociale che impediscono il ‘pieno sviluppo della persona umana’, laddove questa fruizione possa essere assicurata da modalità, anche graduali e diversificate sul territorio nazionale a seconda delle varie aree di rischio o dei diversi luoghi di cultura, capaci di evitare efficacemente la diffusione del virus Sars-CoV-2”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

E’ stato fermato dalla polizia il marito di Caterina di

Il Reddito di Cittadinanza si è dimostrato una scelta politica

PER LA PRIMA VOLTA NEL LAZIO È RIFIUTI FREE ANCHE

Trieste – “Vanno accolte le istanze che chiedono di inserire

A ROMA UN’ORDINANZA PER LA PROTEZIONE DEI NIDI DI RONDINI,

Più spazio di operatività ai Confidi vigilati da Banca d’Italia

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.