ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

COVID: CON LA CRISI CRESCE IL RICORSO A COMPRO ORO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
FIRMA PROTOCOLLO E VISITA AL NUOVO CENTRO MECHATRONICS PROTOTYPINC FACILITY AL POLO MECCATRONICA DI ROVERETO
TRENTO 3 APRILE 2017
FOTO PAOLO PEDROTTI

COVID: CON LA CRISI CRESCE IL RICORSO A COMPRO ORO E BANCO DEI PEGNI, +50% RISPETTO AL PERIODO PRE-COVID

GIRO D’AFFARI RAGGIUNGERA’ NEL 2020 QUOTA 1,2 MILIARDI DI EURO. MA MOLTI OPERATORI SPECULANO SU ESIGENZE DEI CITTADINI IN DIFFICOLTA’ SOTTOSTIMANDO IL VALORE DEI BENI

CODACONS AVVIA UNA INDAGINE SU SETTORE E PUBBLICA IL MODULO PER SEGNALARE IN ANONIMO QUESTE VERGOGNOSE SPECULAZIONI

Con la crisi legata al Covid-19 cresce il numero di italiani che si rivolge a compro oro e banco dei pegni per ottenere liquidità vendendo o impegnando i propri oggetti preziosi, al punto che oggi, rispetto al periodo pre-coronavirus, il ricorso a tali strumenti è cresciuto del +50%, come evidenziato anche dalle organizzazioni del settore. Un vero e proprio business che nel 2020 raggiungerà quota 1,2 miliardi di euro, ma che non è immune da speculazioni a danno degli utenti.

In un momento di grave crisi economica in cui milioni di famiglie hanno subito un depauperamento del reddito e necessitano di liquidità per pagare rate e bollette, la vendita di preziosi costituisce uno strumento rapido e senza troppi passaggi burocratici per ottenere subito il denaro necessario per far fronte alle esigenze quotidiane e ai bisogni essenziali – spiega il Codacons – Dalle segnalazioni ricevute, tuttavia, sembrerebbe che molti operatori stiano approfittando dell’evidente stato di necessità dei cittadini, acquistando oro, gioielli e oggetti preziosi a prezzi ben al di sotto rispetto al loro reale valore. Come il caso di una giovane di Roma che, dopo aver perso il lavoro a seguito del lockdown, ha deciso di cedere il proprio Rolex del valore di 5.000 euro, vedendosi riconoscere solo 2.200 euro, nonostante tale bene, come noto, mantenga il suo valore nel tempo.

Per queste ragioni il Codacons ha avviato un monitoraggio sulle attività del settore, in particolar modo sui compro oro, al fine di acquisire maggiori elementi conoscitivi ed avviare, se del caso, iniziative volte a tutelare i consumatori danneggiati da eventuali comportamenti illeciti, denunciando le speculazioni alla Guardia di Finanza.

In tal senso l’associazione ha pubblicato alla pagina un modulo di segnalazione attraverso il quale i cittadini possono denunciare in modo totalmente anonimo gli operatori che hanno speculato sul loro stato di necessità, sottostimando il valore dei beni ceduti. Segnalazioni raccolte anche al numero di assistenza Codacons 89349955.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Sono stati deliberati stanotte i fondi per pagare gli straordinari

LEO PARI “LE DONNE SONO COME LE STELLE” Un inno

Stop ai licenziamenti per ulteriori 2 mesi, è quanto dovrebbe

“Siamo fortemente preoccupati della tempistica delle risorse messe a disposizione

“Oltre 132mila euro sequestrati nell’ambito di un’inchiesta per truffa e

fontana

Attilio Fontana, governatore della Lombardia, ha parlato ai microfoni di

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.