Covid, Immuni a 8,6 milioni di download

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
smartph

Sono oltre 8,6 milioni gli italiani che hanno scaricato la App Immuni, arrivata a quota 8.605.896 download. Un dato che, secondo l’ultimo aggiornamento del ministero della Salute al 12 ottobre, si conferma in crescita costante soprattutto da circa 2 settimane. Da venerdì 2 ottobre, parallelamente all’aumento dei casi di Covid in Italia, si sono registrati circa 1,2 milioni di download, sabato 10 è stata superata quota 8 milioni e da allora altri 300 mila italiani hanno scaricato l’App.

Sono state 10.060 le notifiche inviate (circa 2mila nel weekend) – si legge sul sito dell’applicazione per il tracciamento dei contatti dei casi di Covid – e 567 gli utenti positivi che hanno condiviso le informazioni, a prescindere dalla notifica di esposizione.

“Il primo motivo per scaricare l’app Immuni”, in questa nuova ondata di contagi da coronavurs, è “innanzitutto perché ci protegge”. Così la ministra dell’Innovazione tecnologica e della digitalizzazione, Paola Pisano, parlando ad Agorà, su Rai Tre. Ed è “notizia di questi giorni che il Consiglio d’Europa, l’organismo internazionale che unisce 47 Paesi e promuove diritti umanitari e democrazia, ha espresso parere favorevole su questa applicazione”. Proprio perché, ha detto Pisano, “Immuni è nata in virtù di una legge che tutela la privacy e la volontarietà nell’uso”.

Inoltre Immuni per il tracciamento della pandemia da Sars-Cov-2 “dal 19 ottobre diventa interoperabile, cioè attraverso questa app possiamo viaggiare in alcuni Paesi europei, in particolare Germania e Irlanda, ed essere protetti”, ha annunciato Pisano che, come ministro dell’Innovazione, ci ha tenuto a precisare che “è anche un piccolo passo nel percorso importante per la digitalizzazione della Pa che avrà un riscontro positivo sia sui cittadini che nella nostra Pubblica Amministrazione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Lo smart working è uno scandalo, sta uccidendo le città”.

La Provincia di Bolzano sarà la prima in Italia a

Apprezzamento da tutti i gruppi politici per il provvedimento di

Il freddo e la pioggia non hanno fermato i pugliesi,

La storia si è rimessa in moto lungo percorsi difficilmente

CERVERE, NEL CUORE DEL CUNEESE L’AGRICOLTURA SALE IN CATTEDRA E

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.