Covid, “in terapia intensiva più giovani e meno gravi”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
salute

“I ricoveri che abbiamo avuto in terapia intensiva in questi giorni si caratterizzano per una riduzione della fascia di età: qui al Sacco abbiamo ricoverato pazienti che vanno dai cinquanta ai sessanta anni. Sono pazienti meno gravi rispetto alla prima ondata. Le manifestazioni cliniche sono identiche ma ad oggi la mortalità è molto più contenuta”. Lo ha detto a ‘Buongiorno’ su Sky TG24 Emanuele Catena, direttore della terapia intensiva dell’Ospedale Sacco di Milano.

“Ci sono elementi di forte preoccupazione. Non tanto legati al numero dei ricoveri in terapia intensiva, ieri in Lombardia avevamo 63 ricoveri nelle nostre rianimazioni, ma a preoccuparci è l’andamento dei ricoveri. Da qualche giorno assistiamo a un aumento esponenziale delle richieste, tre giorni fa avevamo quattro ricoveri in più, poi ne abbiamo avuti otto e ieri ne abbiamo avuti undici. In queste ore la pressione è molto forte”, ha sottolineato Catena.

“Se immaginiamo di proiettare questo trend nei prossimi giorni e nelle prossime settimane – ha aggiunto – potremo trovarci dalle attuali poche decine di pazienti ricoverati alle centinaia. Questa situazione potrebbe potenzialmente diventare molto esplosiva e allarmante. Possiamo interrompere l’andamento esponenziale della curva – ha aggiunto – se tutti quanti siamo molto scrupolosi nell’osservare le regole che ci sono state date”.

“Secondo la mia opinione personale Milano rischia. A differenza della prima ondata, dove Milano in qualche modo era stata più o meno risparmiata, in questo momento Milano sicuramente è a rischio, come altre zone ad esempio Monza o Varese. Milano è da tenere sotto stretta osservazione”, ha aggiunto il medico.

“Ci rendiamo conto – ha spiegato – che i pazienti vengono da zone della città, è importante monitorare anche il numero dei ricoveri nei reparti di degenza di malattia infettiva e nei reparti di terapia sub intensiva”. E ancora, “secondo me, se si dovessero verificare dei numeri molto allarmanti, gli ospedali non dovrebbero essere trasformati totalmente in ospedali Covid. Avere a disposizione i letti in Fiera è una fondamentale scialuppa di salvataggio e questi all’occorrenza vanno utilizzati”, ha concluso.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

In realtà un po’ di diffidenza c’è. Tanta euforia, ottimismo

GENOVA – Cinque motrici di camion distrutti dalle fiamme. In

Andreas Seppi dopo poco più di un anno torna a

Patrimoniale proposta di Salvini e Meloni con acquisto forzato titoli

Creare le condizioni per attivare i percorsi formativi dei gestori

Una proposta a costo zero per incoraggiare i beneficiari del

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.