ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Covid, le mascherine potranno portare ad enormi danni ecologici

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
MASCHERINE

L’emergenza Covid-19 potrebbe portare ad un altro grosso problema, questa volta legato all’ambiente. È l’allarme lanciato da una ricerca eseguita dall’Università statunitense Princeton e l’Università della Danimarca Meridionale.
Covid, mascherine e rischio per l’ambiente

Lo studio si intitola Preventing masks from becoming the next plastic problem. È apparso nella rivista scientifica specializzata Frontiers of Environmental Science & Engineering.

Secondo quello che viene riportato, l’emergenza ecologica sarebbe causata dalle mascherine. Infatti, le modalità di smaltimento di questi dispositivi tante volte si rivelano non adeguate. Inoltre, mancano delle “linee guida a livello internazionale” per tale processo. Di conseguenza, starebbe aumentando la probabilità di un grave inquinamento ambientale. Rischio che è reso ancora più serio dai comportamenti sbagliati e sconsiderati di molte persone.

Il team, con a capo Elvis Genbo Xu, professore di tossicologia ambientale del Dipartimento di Biologia dell’università danese, ha sottolineato come il problema sia il materiale delle mascherine. Quest’ultime sono composte principalmente da polimeri plastici. Si tratta di elementi di non semplice biodegradazione. Per di più, nel giro di qualche settimana, portano alla creazione di microplastiche (diametro più piccolo di 5 millimetri) e nanoplastiche (diametro minore di un micrometro).

In un comunicato stampa, inoltre, il professor Elvis Genbo Xu ha spiegato che le mascherine creano il rischio di “accumulare e rilasciare sostanze chimiche e biologiche nocive, come bisfenolo A, metalli pesanti e microrganismi patogeni. Questi possono avere un impatto negativo indiretto su piante, animali e uomini”.

A tutto ciò, si aggiunge che un gran numero dei dispositivi più moderni sono composti da fibre microscopiche. Tali fibre fanno disperdere le particelle plastiche nell’ambiente più velocemente rispetto ad altri prodotti in plastica.

Il problema sollevato dallo studio risulta particolarmente rilevante se si pensa al numero di mascherine che si producono. Le ultime stime indicano che se ne usano circa 130 miliardi al mese, ossia 3 milioni al minuto.

Il gruppo di ricercatori, comunque, propone anche delle soluzioni. Per limitare i danni ecologici si dovrebbero predisporre dei contenitori di rifiuti solo per tali dispositivi. Quest’ultimi, poi, dovrebbero essere smaltiti seguendo dei procedimenti uniformati. Inoltre, sarebbe preferibile adoperare delle mascherine riutilizzabili e bisognerebbe provare a progettarne di biodegradabili.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il Chiese, un bacino idrografico che inizia sul versante lombardo

Questa mattina è iniziata l’installazione di strutture sommerse per impedire

alitalia

Secondo il titolare del Mise bisogna individuare una struttura commissariale

Sabato 3 Agosto alle ore 21,30, nella splendida Piazza Della

sgarbi

On. Vittorio Sgarbi: Condannato per diffamazione dal Tribunale e dalla

L’Inter batte 3-1 il Torino a San Siro nel posticipo

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.