COVID: PER FERMARE IL VIRUS SERVONO PRUDENZA E RISPETTO DELLE REGOLE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
maschetina

La situazione non è paragonabile a marzo, ma si sta deteriorando velocemente.

In una settimana siamo passati da 5mila contagi a oltre 10mila, il rapporto tamponi-fatti/contagiati-individuati è cresciuto dal 4,1% al 6,7% (in Lombardia siamo a 7,9%, in Campania all’8,9%), abbiamo 2mila ricoverati in più (superata quota 6mila) e 250 pazienti in terapia intensiva in più (la settimana precedente l’aumento era stato inferiore a 100 unità).

Servono la massima prudenza e la massima collaborazione da parte di tutti. Il Governo da solo non può fermare il virus. Per bloccare questa seconda ondata è necessario che tutti noi adottiamo comportamenti seri e prudenti. Mettere la mascherina, mantenere le distanze, igienizzare spesso le mani, prendere il meno possibile i mezzi pubblici ed evitare ogni tipo di assembramento.

Se vogliamo evitare un nuovo lockdown generalizzato, c’è bisogno che tutti rispettiamo le regole. E dobbiamo anche essere in grado di tracciare le catene di contagio, per questo rinnovo l’invito a scaricare l’app Immuni.

Siamo a un bivio. Stiamo vedendo l’evoluzione spaventosa dell’epidemia all’estero, noi possiamo evitare tutto questo se saremo in grado di formare, tutti insieme, una rete di cittadini responsabili.

E’ un momento storico per tutto il pianeta. Comportiamoci di conseguenza.

Riccardo Olgiati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Conservare, valorizzare e, al contempo, promuovere il nostro patrimonio, in

GENOVA – Firmato l’accordo per la cessione a Exor della

Sono attualmente in Italia, 1.145 in più rispetto a venerdì.

NON HA RISOLTO NODO POVERTA’ NE’ AUMENTATO I CONSUMI. E

Le Sardine saranno ospiti della prima puntata del serale di

Il quadro del Mezzogiorno che emerge dagli ultimi dati Svimez

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.