ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Crisi d’agosto e voto a febbraio: la strategia di Giorgetti per “mollare” i grillini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
giorgetti

Una strada per andare al voto a febbraio. L’avrebbe indicata a Matteo Salvini – secondo una ricostruzione del Corriere della Sera – il suo potente sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, che indica nel 6 agosto, in Senato, una data decisiva: in quel giorno, infatti, si terrà il voto decisivo sul decreto Sicurezza bis. «Ed è lì che il governo rischia davvero -scrive il quotidiano – La riflessione è attribuita a Giorgetti, che avrebbe anche rappresentato, al Quirinale, le sue convinzioni sulla difficoltà del governo gialloverde». Se dovesse arrivare una bocciatura del decreto, dati i numeri più risicati, si aprirebbe una crisi di governo estiva ma la Lega porterebbe avanti la maggioranza per approvare la manovra ad otttobre ed andare a votare a febbraio del 2020, con Giorgetti, a quel punto, già dimissionario. «Dai i numeri stentati, dato il non scontato via libera di tutti i 5 stelle, dato che alla Lega mancherà certamente Umberto Bossi, tuttora alle prese con seri problemi di mobilità – scrive ancora il Corriere della Sera – il Sicurezza bis potrebbe franare. Né in Lega si esclude il più volte evocato incidente d’aula…». Giorgetti avrebbe anche già esposto al Quirinale le sue perplessità circa le difficoltà del governo gialloverde e l’ipoteso di una crisi pilotata licenziare la Legge di Bilancio con un governo di minoranza guidato sempre dal premier Giuseppe Conte in cambio della garanzia di un ritorno alle urne. La Lega si sente pronta al voto già da adesso, grazie ai sondaggi: e il partito interno del governo con la Meloni cresce di giorno in giorno.                                   fonte https://www.secoloditalia.it/

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

L’Europa svolta a “sinistra”, scrivono oggi tutti i giornali. Ursula

“Siamo in guerra, punto”. E’ lo sfogo di Pierpaolo Sileri,

autostrade

Perché nessuno, a parte i 5 stelle, vuole la revoca

Trieste –  “Rimangono ancora numerose le questioni da risolvere in

“E’ stato un anno difficile, pieno di dolore e tristezza

Dopo un anno di Covid, i danni dovuti alla relativa

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.