Cuccarini e il ‘caso Matano’: “Hanno cercato di screditarmi”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
cuccarini-7

“È stato detto che ho pugnalato un collega alle spalle, questo non è vero. Se c’è stata una pugnalata l’ha presa un’altra persona. Le voci vogliono raccontarti così come tu non sei. Dopo trentacinque anni, credo di non dover dimostrare nulla. Sono stata sempre una donna libera e la mia vita professionale lo ha dimostrato”. In esclusiva, Lorella Cuccarini rompe il silenzio e parla per la prima volta a ‘Verissimo’ della discussa mail indirizzata alla redazione della ‘Vita in Diretta’ prima dell’addio al programma condotto in coppia con Alberto Matano: “La lettera non era rivolta alla stampa o al pubblico. Volevo solo chiarire la mia posizione con i miei collaboratori. Non è stato uno sfogo d’impulso perché ero stata fatta fuori dal programma. Quando scrivo è perché ci sono validi motivi, peso ogni parola. Tutto quello che avete letto, l’ho detto al diretto interessato guardandolo negli occhi. Non mi manca il coraggio di dire quello che penso. Non c’è stato nessun attacco frontale che non fosse già chiaro a chi doveva sapere”.

A chi la accusa di averlo fatto solo all’ultimo, la Cuccarini risponde: “L’ho detto all’ultimo momento perché c’erano stati dei segnali che mi facevano intendere che le cose stavano cambiando. Invece, mi sono resa conto che, mentre di fronte a me c’era una persona che faceva il migliore amico, dietro le quinte si consumava un piano che andava in un’altra direzione. Era giusto chiarire con le persone con cui stavo lavorando”. Ai microfoni del talk show la conduttrice confessa: “È stato detto molto cercando di screditarmi, questo mi ha fatto male. Ci sarebbe stato bisogno di maggior delicatezza, ma oggi voglio mettere la parola fine a questa storia”. E aggiunge: “Condurre un programma quotidiano è stato molto importante perché l’ho affrontato con umiltà in uno dei periodi più difficili di questi anni. È stato un privilegio, non ho mai sentito il pubblico così vicino come in questa occasione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Gli strumenti Ue per contrastare l’impatto economico dell’emergenza Covid, Sure,

Conosco la vicenda giudiziaria di Julian Assange anche perché sono

MATERA – Sabato 4 gennaio, alle ore 10.30, presso il mercato

Ieri eravamo di fronte al Consolato del Brasile insieme al

Nel 2012 Fastweb esternalizza 720 dipendenti a una società che

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato ieri i

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.