ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Da luglio 2018 tornati in patria più di 577mila profughi siriani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
profughi

Più di 577mila profughi siriani hanno fatto ritorno nel proprio Paese dalla Giordania e dal Libano a partire dal luglio 2018, si afferma in un comunicato del centro per l’accoglienza, la distribuzione e l’alloggio dei rifugiati pubblicato oggi sul sito web del ministero della Difesa russo.

“Complessivamente dal 18 luglio 2018, 577.262 persone hanno fatto ritorno in patria dai territori di Stati stranieri”, si afferma nel comunicato.

Di questi 182.014 profughi siriani sono tornati dal Libano, 395.248 dalla Giordania.

Si sottolinea che negli ultimi giorni non sono stati effettuati i rimpatri dei rifugiati dai territori di Stati stranieri. Quindici profughi nell’ultimo giorno sono ritornati nei luoghi di residenza permanente nel Paese.

Inoltre quattro edifici residenziali e una panetteria sono stati restaurati nelle ultime 24 ore in Siria. Secondo il centro, gli artificieri delle forze armate siriane hanno bonificato 2,7 ettari di territori dalle mine. Inoltre sono stati distrutti 31 ordigni esplosivi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

gallo

Valorizzare la filiera corilicola Questo l’obiettivo della Giunta regionale calabrese

Appena arrivato al Ministero, come viceministro delle infrastrutture e dei

A monte Perone, nel Santuario delle Farfalle Ornella Casnati, passeggiata

Ispra ha lanciato un’indagine nazionale rivolta ai Comuni per capire

Fondazione Cesare Pavese e LessonPod danno voce ai “Dialoghi con

Giorgio Panariello, attore, comico, showman, conduttore e giudice a “Tale

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.