ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Dall’emergenza all’eccellenza: la nuova sfida per i Comuni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
curacomuni

Il coronavirus è destinato a lasciare il suo segno anche nell’organizzazione della nostra Pubblica Amministrazione ed in particolare in quella dei Comuni, oggi più che mai impegnati ad assicurare continuità ai servizi essenziali nonostante le restrizioni in vigore.

L’emergenza, infatti, ha fatto irruzione tra i corridoi dei nostri uffici pubblici facendo cadere bruscamente tutti i freni inibitori che finora avevano impedito di cogliere in pieno le opportunità dell’innovazione tecnologica (o più precisamente telematica). È così che d’un tratto concetti come smart working ed home working hanno di fatto catturato l’attenzione degli operatori degli enti locali, ai quali si pone dinanzi una sfida senza precedenti: riorganizzare (qualcuno direbbe reingegnerizzare) i processi sfruttando tutte le potenzialità ancora inespresse di tutti gli strumenti più innovativi per farsi trovare pronti quando tutto questo sarà alle nostre spalle. Il vero obiettivo, in sostanza, non è quello di sopravvivere, ma di creare gli anticorpi affinché si possa passare subito dall’emergenza all’eccellenza.

In queste settimane stiamo assistendo ad un cambio radicale di prospettiva: il lavoro c.d. agile, per espressa previsione normativa, è diventato la modalità ordinaria di lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni.

Attenzione, lavoro agile non smart working. Perché a ben vedere l’intento del governo è stato quello di agevolare al massimo il lavoro da casa, semplificando il più possibile le già conosciute (ma scarsamente utilizzate) forme smart working. Lavoro agile, infatti, è altro: il dipendente deve lavorare da casa al carico che gli viene assegnato in base ad obiettivi misurabili, senza particolari vincoli orari o la necessità di specifiche dotazioni informatiche.

In un comune come Alcamo, con quasi 50.000 abitanti, più del 50% dei dipendenti è al momento in lavoro agile ed i primi monitoraggi hanno evidenziato, in certi casi, addirittura un miglioramento della produttività.

Grazie al lavoro di totale informatizzazione dell’ente a cui ci siamo dedicati negli anni scorsi oggi è possibile accedere “in piattaforma” da remoto e lavorare ai procedimenti proprio come se si fosse in ufficio, ma con una differenza su tutte: l’attenzione si è spostata sul risultato finale da conseguire e non su tutta una serie di adempimenti formali decisamente secondari.

I dirigenti, infatti, sono stati chiamati a far leva sulla componente prettamente manageriale del proprio ruolo ridisegnando le proprie strutture in modo che riescano a funzionare al meglio anche in home working.

Abbiamo, così, concordato obiettivi di breve e di medio periodo, declinati essenzialmente lungo tre direttrici:

smaltire tutto l’arretrato
portare avanti, secondo un certo ordine di priorità, tutti i progetti strategici in vista della ripartenza
dedicare parte del tempo alla formazione del personale sia in chiave anticorruzione sia al fine di potenziare le skills di ciascun dipendente

Con riferimento al momento formativo, in particolare, abbiamo delineato un piano di webinar suddivisi in base alle categorie contrattuali (C, D e dirigenza) con le seguenti linee programmatiche:

il codice di comportamento e il principio di integrità cui sono soggetti i funzionari pubblici
gli strumenti di prevenzione della corruzione amministrativa
il ruolo del RUP
i contratti complessi, con particolare riferimento alle concessioni e al partenariato pubblico-privato

L’idea, in definitiva, è stata quella di sfruttare al meglio il tempo di lavoro “a casa” investendo sulla competenza.

Questo cambio di prospettiva è un patrimonio che va preservato e nutrito non solo per evitare il blocco totale dell’attività amministrativa, ma anche per preparare le nostre strutture ad avviare immediatamente opere, impianti e servizi al termine dell’emergenza.

È questo, forse, il contributo vero che come comparto enti locali saremo chiamati a dare al nostro Paese e alle nostre comunità pur non dimenticando che in questi giorni così difficili i nostri sforzi e le nostre energie devono essere indirizzate prioritariamente a tutelare la vita e la salute dei nostri cittadini.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il Comune di Pisa rende omaggio a un momento storico

Tratto da “ Lessico Finanziario “ di Beppe Ghisolfi –

maltempo

SITUAZIONE. Gli ultimi sussulti della depressione mediterranea sono ancora presenti

Ogni mattina ho una voglia matta di fare scorpacciate di

Ma è una nostalgia non malinconica, perché suscitata da ricordi

L’Istat certifica che la misura bandiera M5S ha evitato il

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.