ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Davide Casaleggio: il voto digitale nei Parlamenti internazionali

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
-casaleggio 55

Parlando del voto digitale, della democrazia diretta, il voto digitale ha inciso molto sulle scelte del Governo, come nel caso del governo giallorosso, di quest’ultimo, anche se secondo alcuni costituzionalisti quel Governo sarebbe potuto nascere anche senza il placet della rete, ma con quello del Presidente della Repubblica.

Che evoluzione vede nel voto digitale rispetto all’utilizzo che ne fanno anche gli altri Paesi e quanto può cambiare adesso in emergenza Covid?

Davide Casaleggio: Penso che il voto digitale sia un supporto alla democrazia rappresentativa, ai Parlamenti. Perché oggi se un Parlamento non ha la possibilità di avere i parlamentari dentro il Parlamento, come è successo anche la settimana scorsa generando problemi di possibilità di voto, si crea un problema all’interno della stessa istituzione.

Oggi dal punto di vista tecnico il problema è risolto, perché i parlamentari italiani possono votare già ora su un computer. Lo fanno all’interno del Parlamento quando non si trovano nel loro banco dell’aula, votando in giro per il Parlamento attraverso un computer. Quindi tecnicamente è già possibile.

La differenza tra votare a cento metri piuttosto che a cento chilometri quando si parla di votare su un computer diciamo che è abbastanza limitata, per cui dal punto di vista tecnico abbiamo già risolto il problema. Dal punto di vista dell’opportunità diciamo che decine di Parlamenti a livello internazionale hanno già deciso di adottare il voto a distanza. Lo hanno fatto il Parlamento europeo, la Gran Bretagna, il Brasile, il Messico, la Polonia. C’è una lista infinita di Paesi che oggi hanno adottato il voto digitale, voto a distanza del Parlamento. Addirittura in Spagna avevano già iniziato nel 2011 in caso di maternità o paternità, o per malattie gravi. Quest’anno quando un parlamentare si è ammalato a marzo tutto il gruppo di quel parlamentare ha deciso dal giorno successivo di non presentarsi più in Parlamento, costringendo quindi il Parlamento a permettere il voto digitale a tutti.

So che c’è una discussione in atto nel Parlamento italiano proprio su questo tema e spero che arrivi a termine a breve, prima di un ulteriore eventuale lockdown che ovviamente genererebbe tanti problemi anche nello stesso rispetto della possibilità di partecipazione dei parlamentari: oggi chi è in quarantena non può partecipare alla vita del Parlamento.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

scuola

Durante la pandemia sono emerse diverse problematiche legate alla mancanza

Ho sempre pensato che fare il sindaco sia il compito

calenda

Nel pieno di una pandemia mondiale, nella quale tutti i

Torino – In occasione della festa patronale di San Giovanni, giovedì

Il pensiero del Banchiere scrittore Beppe Ghisolfi affidato alla video

polizia

Duro colpo inferto questa mattina a “cosa nostra” a Gela:

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.