ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Ddl Zan, Gasparri (Fi): “Si sta ragionando, non lo si affossa”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
gasparri

Sul disegno di legge sull’omofobia si sta ragionando, non lo si sta affossando come dice, mentendo, Zan.

Ci sono dei punti palesemente incostituzionali di questo disegno di legge. Bisogna colpire con maggiore severità i comportamenti violenti. Ma non si può determinare una rivoluzione antropologica come quella prevista dall’art. 1, che fa scomparire e rende mutevole oltre ogni misura l’appartenenza ad un determinato sesso. Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri di Forza Italia. “C’è poi la questione della scuola e l’aspetto dei reati di opinione che non può essere regolato come prevede l’art. 4. Chi sostiene questo testo è in palese contrasto con la Costituzione.

E dimostra che l’intento non è quello, giusto e condivisibile, di punire più severamente violenze e discriminazioni, ma bensì quello di stravolgere gli assetti della nostra società contro ogni principio del diritto e della logica. È bene quindi ragionare per varare un testo conforme alla Costituzione e tale da poterlo rendere firmabile da parte del Presidente della Repubblica”, conclude.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

lezzi

Sappiamo bene, i miei colleghi ed io, che il 9

sigaretta elettronica

Da gennaio salgono le tasse sui liquidi per le sigarette

Un intervento tempestivo per ricostruire e consolidare tutte le cosiddette

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha scelto Mario Monti come capo

meloni

Giorgia Meloni attacca i vip sinistrorsi che lanciano appelli buonisti

orlando

La necessità di riconoscere centralità alle donne nel mondo del

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.