DEPENALIZZARE SUBITO LA COLTIVAZIONE DI CANNABIS. CHI DEVE CURARSI NON PUÒ ANDARE A PROCESSO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
cannabis

È inaccettabile che un cittadino italiano, costretto a sottoporsi a una terapia a base di cannabis, venga mandato a processo per essersi coltivato autonomamente il prodotto destinato ad alleviare il dolore prodotto dalla malattia. Eppure è esattamente ciò che sta accadendo a Walter De Benedetto. Questa è l’immagine plastica del fallimento di uno Stato che ha messo fuori legge una pianta col risultato di rendere pressoché impossibile alle persone come Walter di curare la propria patologia, nel suo caso l’artrite reumatoide. Chiedo ai ministri Cartabia e Speranza di intervenire immediatamente, depenalizzando la coltivazione di cannabis a scopo terapeutico.
Questo è il solo modo che abbiamo per garantire il diritto di Walter e di migliaia di altre persone come lui di curarsi. Anche perché il fabbisogno di cannabis terapeutica per l’Italia è di circa 1 tonnellata l’anno, mentre lo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare, unico preposto alla coltivazione di questo prodotto, è in grado di produrre soltanto 150 chili. Un motivo in più per accelerare e porre fine a una situazione oggettivamente degradante.

Francesco Berti

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

C’è anche un po’ di Italia tra le nomination dei

La Lombardia è leader nel commercio del pesce lavorato e

MONEGLIA – L’allarme lo aveva lanciato per primo il sottosegretario

Nessuna Regione italiana, durante l’anno che sta per concludersi, ha

“Nella sua intervista al Messaggero, il ministro Fioramonti sulle differenze

“Le imprese che rispettano il protocollo e consentono ai lavoratori

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.